Cosa è la levocetirizina cloridrato?

Levocetirizine hydrochloride è un medicinale prescritto per trattare sintomi di allergie stagionali e orticaria. Questi sintomi possono includere starnuti, naso che cola e occhi irrigazione, nonché prurito e eruzioni cutanee. Questa antistaminico può contribuire ad alleviare i sintomi di allergia inibendo le azioni della istamina chimica nel corpo.

I pazienti prendono solitamente una dose di levocetirizina cloridrato la sera. Può essere preso con o senza cibo. Questo medicinale è disponibile come compressa o come sciroppo liquido per i pazienti che hanno difficoltà a ingoiare pillole. È essenziale misurare correttamente il dosaggio liquido per i bambini, perché un bambino assorbe molto più del farmaco rispetto ad un adulto.

Questo farmaco antistaminico può causare alcuni effetti indesiderati, che devono essere segnalati al medico prescritto se persistono o diventano fastidiosi. I pazienti possono verificarsi sonnolenza, stanchezza e debolezza. Può svilupparsi una febbre o una tosse, insieme a bocca secca e mal di gola. Sono stati segnalati anche il dolore sinusale, un naso soffocante e dolori nocivi lievi. Può anche verificarsi un aumento di peso.

Raramente, una reazione allergica a questo farmaco può verificarsi, che richiede immediata assistenza medica. I segni di una possibile reazione allergica possono includere orticaria, prurito e problemi di respirazione. Il volto del paziente può anche mostrare segni di gonfiore, così come la gola, le labbra e la lingua.

Altri effetti gravi possono anche raramente verificarsi dall’uso di levocetirizina cloridrato. I pazienti devono andare al pronto soccorso se sperimentano allucinazioni, pensieri insoliti o sensazione di svenire. Altri effetti potenziali possono includere intorpidimento intorno alle labbra, ittero e dolore allo stomaco. Sono state segnalate raramente urine scure, confusione e vertigini.

Prima di usare la levocetirizina cloridrato, i pazienti devono discutere le loro altre condizioni mediche con il medico prescritto. Coloro che hanno gravi malattie renali o che sono in dialisi possono non essere in grado di utilizzarlo. Altre condizioni mediche che possono escludere il suo utilizzo possono includere problemi di cistifellea e malattie epatiche. Questo farmaco può passare nel latte materno e non deve essere usato durante l’allattamento al seno. Non si prevede di danneggiare un bambino non ancora nato.

I pazienti devono anche rivelare tutti gli altri farmaci e integratori che assumono per garantire la loro sicurezza. I rassodatori muscolari, i farmaci anti-sequestri e i reliever narcotici possono interagire con questa antistaminico. Le pillole del sonno, i farmaci di ansia e alcuni farmaci psichiatrici possono anche interagire con esso. Inoltre, coloro che sono sottoposti a test diagnostici medici, come i test di allergia, dovrebbero informare il medico che stanno prendendo levocetirizzina cloridrato, in quanto potrebbe interferire con i risultati.