Cosa posso aspettarmi durante la rimozione della cisti sebacea?

Nella maggior parte dei casi, la rimozione della cisti sebacea significa chirurgia. Un medico può rimuovere l’intera cisti e suturare la ferita chiusa o drenare e quindi rimuovere il muro della cisti, permettendo alla ferita di guarire senza suture. A volte, tuttavia, i medici possono tentare altri trattamenti per cisti sebacee prima di rimuoverli chirurgicamente. Ad esempio, un medico può somministrare iniezioni, cisti drenanti e utilizzare laser per distruggere una cisti come alternativa all’utilizzo di incisioni per rimuoverlo.

Se una persona vuole avere una cisti sebacea completamente rimossa piuttosto che trattata, questo significa spesso chirurgia. In tal caso, un medico può tagliare la cisti sebacea fuori del tessuto circostante. Nella maggior parte dei casi, questa non è una procedura complicata o grave. Spesso, può essere eseguito in un ufficio del medico e di solito impedisce una cisti da ripetersi.

La procedura utilizzata per rimuovere un’intera cisti sebacea viene definita come un’escissione totale. Con un’escissione totale, un medico taglia la cisti e usa suture per chiudere la ferita. Le ferite da una cisti sul viso di un paziente richiedono circa una settimana per guarire abbastanza per un medico per rimuovere le suture, per coloro che interessano altre parti del corpo, ci vorranno circa due settimane. Nella maggior parte dei casi, un’escisione totale è meglio eseguita su una cisti non infiammata. Per questo motivo i medici spesso provano altri trattamenti per rimuovere l’infiammazione prima di andare avanti con un’escissione totale.

In alcuni casi, la rimozione della cisti sebacea comporta una procedura chiamata escissione minima invece. Per far ciò, un dottore taglia in una cisti e lo scarico del suo contenuto. Poi estrae la cisti attraverso la piccola incisione che ha usato per rimuovere il suo contenuto. Con questo tipo di rimozione della cisti sebacea, un medico non può utilizzare suture. In molti casi, un medico permette a questo tipo di ferita di guarire da solo.

I trattamenti laser possono essere usati anche per la rimozione della cisti sebacea. Con questo tipo di trattamento, un medico usa un fascio laser per distruggere la cisti. Spesso, questo tipo di trattamento aiuta a ridurre al minimo il rischio di cicatrici.

A volte una persona può desiderare di avere una cisti sebacea trattata piuttosto che rimosso. In tal caso, può chiedere al suo medico per le iniezioni con un farmaco che è destinato a ridurre l’infiammazione. Questo trattamento viene solitamente applicato solo se una cisti non è infetta. A volte i medici possono anche trattare una cisti drenandone il contenuto attraverso una piccola incisione.

Cosa è un nervo pizzicato?

Se hai mai sentito la sensazione di intorpidimento o brivido di un arto “addormentato”, hai probabilmente provato un nervo pizzicato. I nervi generalmente rientrano in due categorie, centrali e periferiche. I nervi centrali sono localizzati principalmente nella colonna vertebrale e nel cervello, mentre i nervi periferici si estendono alle punte delle estremità di una persona. Se uno di questi nervi periferici diventa intrappolato sotto una sporgenza del giunto o dell’osso, la connessione elettrica al di sotto del punto di pizzico diventa bloccata. Questo porta alla sensazione intorpidire che chiamiamo un nervo pizzicato.

Una delle posizioni più comuni per un nervo pizzicato è la regione spinale della schiena. Questo è dovuto al fatto che molti nervi usciranno dal midollo spinale centrale attraverso lacune nelle vertebre. Se una malattia degenerativa o un trauma dovesse causare il cedimento del disco tra due vertebre, una condizione nota come un disco ernia, allora qualsiasi nervo attorno al disco potrebbe diventare un nervo pizzicato. Il risultato è spesso uno spasmo schiena doloroso intorno alla zona interessata o una sensazione di numbing nelle gambe, nelle braccia o nella schiena più bassa.

Un’altra posizione comune per un nervo pizzicato è nella zona del tunnel carpale del polso. Perché tutti i nervi che conducono da e per mano e le dita devono passare attraverso questa zona affollata, non è insolito per le ossa del polso o del braccio inferiore per pizzicare un nervo occasionalmente. Il gomito è un’altra zona incline a creare un nervo pizzicato, come sono le principali articolazioni dei fianchi, delle spalle e delle caviglie. Per causare il doloroso formicolio o la perdita temporanea della mobilità associata a un nervo pizzicato, l’osso deve mantenere una pressione costante sul nervo abbastanza a lungo per causare lesioni. Questo è il motivo per cui può richiedere diverse ore per una gamba per “addormentarsi” se si tiene in una posizione stressante.

Trattamenti per una gamma nervosa pizzica da un semplice riposo alle procedure chirurgiche. Molte persone sperimentano la piena ripresa da un nervo pizzicato in pochi giorni dalla lesione originale, dal momento che il sistema nervoso fa riparazioni in segmenti. Altri possono trovare sollievo attraverso i colpi di cortisone, che allevia la pressione intorno al nervo causando un gonfiore benefico nell’articolazione.

Se il nervo pizzicato è causato da un osso oscillante o un disco ernia, tuttavia, una procedura chirurgica può essere in ordine. La causa principale del nervo pizzicato è di solito indirizzata in primo luogo, permettendo tempo per il nervo di ricrescere naturalmente. Alcuni nervi pizzicati possono infatti morire, per cui alcune persone non possono mai rientrare completamente la sensazione al di sotto del punto di pizzico.

Quali sono i sintomi di appendicite?

Il sintomo più comune di appendicite, che è l’infiammazione dell’appendice, è il dolore nel lato destro inferiore dell’addome, tra l’osso navale e il pelvico. Tale sintomo è importante da notare, in quanto questa condizione può provocare infezioni molto gravi se rimane non trattata. Altri sintomi accompagnano normalmente l’infiammazione e conoscere questi sintomi può aiutare una persona a determinare quando deve contattare un medico.

Non tutte le appendicite porteranno a complicazioni pericolose per la vita. Ma un paziente non può sapere se risolverà senza un trattamento medico. È meglio errare da parte della cautela vedendo un fornitore di assistenza sanitaria se qualcuno sospetta l’appendicite, in quanto un professionista può meglio determinare quale trattamento deve essere intrapreso.

A parte il dolore nel quadrante destro inferiore dello stomaco, che peggiorerà gradualmente, quelli con appendicite spesso hanno febbre. Anche gli intestini possono essere influenzati, ma spesso in modi diversi. Alcuni hanno sensazioni intense di nausea e vomito, mentre altri possono avere costipazione o diarrea. Alcuni possono avere sia vomito che diarrea. La maggior parte delle persone con questa condizione non si sentirà affamata.

Lo stomaco può effettivamente mostrare segni di gonfiore visibile. Questo è spesso un accumulo di gas, anche se può indicare un’appendice gonfia. La maggior parte colpiti da appendicite trovano che hanno difficoltà a passare il gas, causando così la distensione dell’addome.

Un esame di qualcuno con appendicite di solito rivelerà più sintomi. Ad esempio, la pressione sull’appendice genera generalmente dolori estremi. I bambini, tuttavia, possono sentire dolore durante l’addome. Nei bambini piccoli può essere particolarmente difficile ottenere una diagnosi perché il figlio minore potrebbe non essere in grado di articolare chiaramente dove si sente il dolore più.

Di solito un ultrasuono dell’addome conferma l’appendicite, perché l’appendice è notevolmente di grandi dimensioni. La preoccupazione per tale gonfiore è che può provocare un’appendice che potrebbe spargere batteri nel resto della cavità addominale, causando peritonite molto grave che può causare la morte senza trattamento.

Tuttavia, non tutte le infiammazioni provocheranno un’appendice burst. Alcuni professionisti medici gestiscono ora antibiotici quando l’appendicite sembra leggermente per vedere se una cura può essere compromessa senza rimuovere l’appendice. Quando sembra grave, tuttavia, l’appendice viene rimossa per prevenire la peritonite.

Coloro che sperimentano diversi sintomi di cui sopra dovrebbe contattare immediatamente un medico. Solo un medico può confermare l’appendicite e il grado di pericolo per una persona. L’appendice è una condizione molto più difficile da trattare rispetto all’infiammazione nelle sue fasi iniziali.

Che cos’è un lassativo salino?

Un lassativo salino, detto anche fosfato di sodio, è un medicinale usato per trattare la stitichezza. È un particolare tipo di lassativo che è destinato solo ad un rapido sollievo della stitichezza e non dovrebbe essere usato a lungo termine. Un lassativo salino è classificato come un farmaco iperosmotico, il che significa che funziona tirando l’acqua in eccesso nelle viscere dagli altri tessuti del corpo. Questa azione ammorbidisce le feci e porta a movimenti intestinali. Alcuni prodotti possono combinare questo farmaco con altri tipi di lassativi in ​​un farmaco combinato.

Questo tipo di lassativo è destinato ad essere utilizzato in circostanze molto specifiche, come la stipsi occasionale. Un medico può somministrare questo tipo di lassativo a un paziente che sta per sottoporsi a un intervento chirurgico o ad un esame. Può anche essere utilizzato quando il medico richiede un campione di sgabello per una prova diagnostica. I pazienti possono assumere questo tipo di lassativo quando soffrono di un sovradosaggio di droga o di avvelenamento alimentare, perché la medicina eliminerà rapidamente queste tossine dal corpo.

Se il lassativo salino è in forma di soluzione o cristalli, il paziente deve mescolare la dose prescritta con un bicchiere pieno d’acqua o succo di frutta. Altrimenti, la pillola deve essere inghiottita con un bicchiere pieno di liquidi. Piccole dosi possono essere prese su uno stomaco vuoto per accelerare i risultati.

I pazienti devono consumare un secondo bicchiere d’acqua o succo di frutta immediatamente dopo la dose. Almeno quattro o sei bicchieri di liquidi supplementari devono essere consumati per tutto il giorno che la medicina viene utilizzata. I pazienti possono prevedere risultati entro 30 minuti a tre ore.

È necessario seguire alcune precauzioni durante l’utilizzo di un lassativo a base salina per il trattamento della stitichezza. Non dovrebbe mai essere usato per più di una settimana, perché questo può causare dipendenza lassativa. Questa è una condizione in cui l’intestino del paziente smette di funzionare normalmente e si può sviluppare una stitichezza cronica. Poiché questo farmaco contiene sodio, quelli che sono in una dieta a basso contenuto di sodio devono consultare un medico prima dell’uso.

Alcuni effetti collaterali possono verificarsi con l’uso di un lassativo salino, che dovrebbe essere segnalato a un medico se diventano gravi. I pazienti possono presentare nausea, crampi allo stomaco e flatulenza. Gli effetti collaterali più gravi richiedono un’attenzione medica immediata, come la diarrea persistente, le variazioni della quantità di urina e il sanguinamento rettale. Raramente, cambiamenti dell’umore, spasmi muscolari e gonfiore delle mani o dei piedi possono verificarsi. Altri effetti collaterali gravi possono includere episodi di convulsioni, dolori al petto e battito cardiaco lento o rapido.

Prima di usare questo farmaco, i pazienti dovrebbero discutere altre condizioni mediche, farmaci e integratori con un medico o un farmacista. Può essere controindicato per l’uso da parte di coloro che soffrono di problemi addominali, malattie cardiache o squilibri minerali, nonché della fenilchetonuria (PKU). Le donne in gravidanza o allattamento non dovrebbero usare questo farmaco senza l’approvazione del medico. Un lassativo salino può interagire con altri farmaci, tra cui diuretici.

Cosa è virus di epstein-barr (ebv)?

Il virus di Epstein-Barr (EBV) è uno dei numerosi virus di herpes. Mentre il termine “herpes” di solito è considerato una condizione, causata da un contatto sessuale, l’erpete sessualmente trasmessa è solo uno dei molti virus di herpes. EBV è anche chiamato herpes virus 4 ed è più frequentemente riconosciuto come uno dei virus più comunemente responsabili della mononucleosi (mono).

La contrazione di EBV non significa sempre che una persona svilupperà la mononucleosi, comunque. Qualcuno che è esposto al virus come adolescente ha in genere una probabilità del 50% di sviluppare la malattia. Le persone esposte possono ancora passare il virus sugli altri, anche se non sviluppano mono. Il virus può anche diventare inattivo e riattivarlo anni dopo, di solito non provoca ancora una volta i sintomi, ma può essere trasmesso ad altri.

La mononucleosi è più comune negli adolescenti e quando viene contratto dai bambini può causare sintomi come febbre, mal di gola e stanchezza per alcune settimane. Alcuni bambini avranno mono mono, che può durare fino a quattro mesi, ma molti non svilupperanno mai sintomi gravi. Il virus di Epstein-Barr è però estremamente diffuso, e la maggior parte delle persone mostra l’esposizione al virus quando raggiungono l’età adulta.

Alcune ricerche hanno suggerito una connessione tra EBV e sindrome da stanchezza cronica, anche se la relazione è poco chiara. I sintomi della mononucleosi che durano più a sei mesi sono a volte indicati come “EBV cronico”, anche se molte volte i test non ritengono che il virus sia ancora attivo. Molti esperti ritengono che, in questi casi, ci siano altre cause di stanchezza cronica, specialmente perché la maggior parte delle persone sono state esposte al virus e non sviluppano la condizione.

Il virus di Epstein-Barr può anche essere indicato in alcune forme di cancro. EBV è spesso riscontrato in coloro che hanno una forma di linfoma non-Hodgkin, chiamato linfoma di Burkitt. Il virus è anche considerato un fattore causale di carcinomi nel naso e nella gola. Questi tumori si trovano più comunemente nelle persone che vivono nei paesi del terzo mondo. Possono anche essere presenti nei pazienti immunosoppressi, sotto forma di tumori che si trovano nei muscoli che circondano gli organi.

Il linfoma di Burkitt risponde estremamente bene alla chemioterapia e spesso può essere risolto da tali, anche se talvolta i tumori lungo la mascella possono ricorrere. Coloro che hanno malattie immunosoppressive o che hanno ricevuto i trapianti possono avere un trattamento e un recupero più difficili, in quanto la chemioterapia per il trattamento di tali tumori elimina ulteriormente il sistema immunitario. Fortunatamente questi tumori sono relativamente rari.

Quali sono i fluidi isotonici?

Ci sono diversi tipi di liquidi endovenosi (IV) somministrati ai pazienti, i più comuni dei quali sono i fluidi isotonici. Questi fluidi hanno lo stesso numero di particelle disciolte come il sangue di una persona. Utilizzando questo tipo di fluido mantiene le particelle extra da entrare o uscire dalle cellule del paziente. I fluidi isotoni vengono comunemente somministrati attraverso un IV per reidratare un paziente o mantenere il suo livello di idratazione.

Il tipo più comune di liquidi isotonicici è la soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%, noto anche come normale fluido salino. Il contenuto di sale dei fluidi corrisponde ai livelli normali nel flusso sanguigno di una persona e mantiene un equilibrio tra liquido e sale tra il flusso sanguigno e le cellule mentre il paziente viene idratato. I liquidi normali di soluzione salina sono usati per trattare pazienti che ricevono trasfusioni di sangue, in shock o che soffrono di una ketoacidosi diabetica. Possono essere dannosi per i pazienti affetti da insufficienza cardiaca.

Un altro tipo di fluido isotonicico che viene comunemente somministrato ai pazienti è una soluzione al 5% di dextrose. Questo tipo di liquido isotonica, spesso chiamato D5W, è usato nei pazienti che soffrono di disidratazione o elevati livelli di sale nel sangue. I pazienti con insufficienza cardiaca o renale possono avere complicazioni dall’uso di questi fluidi.

Il liquido della suoneria lattata, o il liquido LR, è un altro tipo di soluzione isotonica e contiene lattato di calcio, potassio e cloruro di sodio in concentrazioni leggermente diverse, a seconda del produttore. In questo tipo di soluzione isotonica, tuttavia, la concentrazione di ciascuno di questi componenti è bassa. Il liquido LR viene utilizzato per reidratare i pazienti o per aiutare coloro che hanno sangue o perdita di liquidi a causa di malattie o lesioni negli intestini. I pazienti con problemi epatici o renali non possono tollerare i liquidi LR e richiedono un trattamento alternativo.

Oltre ai fluidi isotoni, ci sono anche i liquidi ipotoni e ipertonici. I liquidi ipotoniali contengono meno particelle disciolte rispetto al sangue e la loro somministrazione porta le particelle all’interno delle cellule a fluire dalla cellula e nel sangue. I liquidi ipertonici, invece, contengono più particelle disciolte del sangue e causano le cellule di assorbire le particelle per equilibrare la concentrazione tra le cellule e il flusso sanguigno.

Quali sono i sintomi di un dolore freddo?

Le ferite a freddo sono l’infezione che deriva dal virus herpes simplex, una volta che ciò accade, il virus tende a rimanere nel corpo per il resto della vita di un individuo, spesso rendendo queste lesioni un aspetto relativamente comune. I sintomi di un mal di freddo di solito iniziano con una sensazione di prurito, bruciore o formicolio sulla posizione in cui apparirà il dolore, come la bocca o le narici. Una persona potrebbe anche avere una mal di gola e gonfiore delle ghiandole. Presto, comparirà un piccolo blister pieno di fluido o raggruppamento di blister. Di solito essi si asciugheranno e scompaiono entro dieci giorni a due settimane.

I sintomi iniziali, noti come il prodrome, includono un leggero formicolio o bruciore che si verifica un giorno o due prima che si presentino le bolle effettive. Alcune persone sperimentano anche prurito o dolore lieve. Ciò si verifica più spesso intorno alle labbra o agli angoli della bocca, ma può anche apparire sulle narici o all’interno della bocca, anche se questo non è così comune. Mettere il farmaco sulla zona alla prima indicazione di un mal di freddo può essere utile per prevenire il peggioramento.

Alcune persone provano altri sintomi in tutto il corpo. Una bassa febbre, ghiandole gonfie nel collo e una mal di gola non sono rari. Alcune persone potrebbero scoprire che la bocca si sente male, o che provano alcuni dolori e dolori nel corpo. Questi sintomi di solito scompaiono quando le lesioni effettive appaiono.

I sintomi finali si verificano quando sulla bocca o sul naso appare un blister, o spesso un gruppo di vesciche. Queste vesciche saranno sollevate, rosse e piene di fluidi. Dopo pochi giorni, cominceranno ad asciugarsi, e presto appariranno appena come un segno leggermente arrossato sul volto, che alla fine scomparirà. In genere, un dolore freddo non provoca una cicatrice.

Le persone che sono inclini a questo problema possono ottenere le piaghe ripetutamente durante tutto l’anno, a volte tre o quattro volte o più. Alcuni eventi possono innescare il virus, ad esempio un’altra malattia del corpo, un periodo di stress elevato o un’esposizione troppo al sole. È certamente possibile diffondere il virus dell’herpes ad altri, quindi è importante per chiunque sperimenta i sintomi per imparare modi per evitare la diffusione.

Cosa provoca un’epiglotta gonfia?

L’epiglotta gonfia è causata principalmente da infezione batterica, fungina o virale. Può anche verificarsi come conseguenza di lesioni dovute al caldo, alla deglutizione di un oggetto estraneo o al danno fisico all’epiglotta. Questa è una condizione medica pericolosa per la vita che richiede un’attenzione immediata. L’epiglottide è un pezzo di cartilagine dietro la lingua che copre la laringe per proteggere la trachea o la vescica, quando una persona inghiotte: impedire che cibi o liquidi entrino nel tubo che possa causare la soffocamento di una persona. Proprio come il soffocamento può interferire con la capacità di una persona di respirare, così può essere un gonfiore dell’epiglotta, in quanto entrambe le condizioni bloccano la via aerea.

La fonte batterica primaria di epiglotta gonfiata è il batterio di tipo b (Hib) di influenza haemofilus, che è anche un organismo responsabile di altre malattie come l’infezione del tratto respiratorio superiore e la meningite. Negli Stati Uniti, il vaccino Hib è diventato una routine alla fine degli anni ’80, il che ha provocato il gonfiore dell’epiglotta diventando una malattia non comune. Tuttavia, questo vaccino non protegge gli individui da altre fonti infettive che potrebbero causare la condizione di svilupparsi. Altre fonti di infezione includono la polmonite streptococcica, lo streptococco A, B e C e la varicella zoster. Questi organismi hanno anche la capacità di causare, rispettivamente, la polmonite, la gola strepica e il polso.

Il danno all’epiglotta sostenuto attraverso vari tipi di lesioni può anche portare a gonfiore dell’epiglotta. Il danno termico può verificarsi attraverso il degrado di contenuti che bruciano la gola come liquidi caldi. L’uso di droghe illecite può anche causare bruciore nella gola, inoltre, l’atto può causare una persona a inghiottire oggetti estranei come parti di tubi che vengono utilizzati nell’uso di stupefacenti. Inoltre, una persona che soffre di un contatto diretto fisico con la cartilagine o le aree circostanti della gola può anche danneggiare e gonfiare l’epiglotta.

L’epiglotta gonfia può essere contagiosa e colpisce sia i bambini che gli adulti. La malattia potrebbe svilupparsi in poche ore o in un paio di giorni. I sintomi comuni sono febbre, mal di gola e cambiamenti vocali. La deglutizione può diventare difficile e così dolorosa che una persona inizia a svenire. Anche la respirazione diventa difficile e una persona potrebbe sentirsi meglio sedendosi e sporgendosi in avanti.

Di solito, se una persona con epiglotta gonfie riceve una cure ospedaliere immediata e corretta, il risultato è positivo. Oltre alla guarigione dell’infezione, il trattamento richiede tipicamente un medico per assicurare che la persona interessata possa respirare. La capacità di respirare potrebbe essere risolta attraverso l’uso di ossigeno umidificato o di un tubo di respirazione. Antibiotici e corticosteroidi potrebbero essere usati per guarire l’infezione e ridurre il gonfiore.