Qual è la debolezza bilaterale?

La debolezza bilaterale si riferisce alla debolezza che si verifica su entrambi i lati del corpo, generalmente in entrambe le braccia o entrambe le gambe. Può anche essere presentata come debolezza che colpisce tutte le estremità, cioè entrambe le braccia e le due gambe contemporaneamente. Questa è una condizione relativamente rara, poiché la maggior parte dei disturbi neurologici iniziano in genere con debolezza da un lato del corpo o dell’altro, con il corpo diviso verticalmente piuttosto che orizzontalmente.

La causa più comune di debolezza bilaterale è la lesione. Ciò può avvenire sia al midollo spinale, ai muscoli in entrambe le braccia o in entrambe le gambe, o alla colonna vertebrale stessa. Spesso, questo è temporaneo e una volta che le lesioni hanno avuto il tempo necessario per guarire, i muscoli alla fine riconquistano piena forza. A volte questo richiede la terapia fisica per ricostruire la massa muscolare, soprattutto in casi di lunghi periodi di recupero quando i muscoli non sono stati utilizzati.

Anche se relativamente raro, la debolezza bilaterale improvvisa può essere un segno di un grave disturbo neurologico. La sclerosi multipla, la malattia di Parkinson e la malattia di Lou Gehrig sono tutti esempi di malattie in cui la debolezza è un sintomo primario. La debolezza clinica è un termine usato per descrivere i muscoli che non hanno forza e non sono in grado di eseguire compiti che siano facili per la persona media.

C’è una condizione nota come la debolezza bilaterale percepita, il che significa che i muscoli si sentono deboli e affaticati anche quando non c’è niente di sbagliato. Questo è spesso un effetto psicologico che può presentarsi durante momenti di severo stress o in coloro che soffrono di alcuni disturbi d’ansia, soprattutto ipochondria. La differenza tra la debolezza attuale e la percezione è che nei casi percepiti i muscoli non hanno perso forza o tono.

Il trattamento per una grave debolezza bilaterale dipenderà dalla causa sottostante. Probabilmente verranno eseguiti test per escludere condizioni gravi e il paziente può essere detto di riposare i muscoli nel frattempo. Possono essere trovate alcune condizioni temporanee che causano la debolezza, compresa la disidratazione, l’affaticamento e alcuni virus.

Durante l’esame fisico, i pazienti possono essere invitati a eseguire una serie di esercizi per determinare se la debolezza clinica è effettivamente presente. Ciò sarebbe indicato dall’incapacità di eseguire gli esercizi, nonostante lo sforzo. Se viene diagnosticata la debolezza clinica, ulteriori prove possono essere condotte per trovare la causa.

Quali sono i diversi tipi di test di malaria?

Ci sono diversi tipi di test per diagnosticare la malaria, inclusi i test del sangue per la diagnosi iniziale e le prove di resistenza alla molecola, la sierologia e la resistenza ai farmaci per ulteriori diagnosi e pianificazione del trattamento. L’obiettivo di questi test è quello di cercare parassiti o anti-corpi nel sangue. La malaria è una malattia infettiva causata da un organismo del genere Plasmodium. Viene fornito attraverso il morso di una zanzara, e si trova principalmente nelle aree tropicali del mondo.

La malaria può richiedere anni per mostrare sintomi, poiché il parassita che lo provoca può incubare ovunque da settimane a anni nel fegato. Infine il parassita si moltiplica nei globuli rossi, tipicamente causando sintomi che includono febbre, mal di testa e la classica indicazione della malaria, alternando brividi e febbre ogni due o tre giorni. Altri sintomi includono dolore articolare, vomito, anemia e emoglobina nel sangue. Nei casi più gravi possono verificarsi convulsioni.

Uno dei test più affidabili ed economici della malaria è un test di sangue che utilizza film folti o sottili del sangue che possono rilevare la presenza di un parassita malarifico. I film vengono posizionati sotto un microscopio e esaminati da un microscopio esperto. L’utilizzo di spessore della pellicola consente di esaminare un elevato volume di sangue, mentre il film sottile consente un’esame più dettagliato. Entrambe sono di solito utilizzate.

In alcuni settori, non è possibile accedere a un microscopio. In questo caso, può essere eseguito un test conosciuto come Rapid Diagnostic Test (RDT). Una goccia di sangue viene disegnata usando un bastone di dito e viene poi posizionato su un dipstick sensibile. L’astina indica poi un cambiamento di colore se i parassiti malarici sono presenti. Un inconveniente al RDT è che non riesce a individuare quanti parassiti esistono e può anche essere più costoso di un test di pellicola sanguigna. Il vantaggio è che non richiede la formazione né un microscopio.

Un altro tipo di test di malaria è la diagnosi molecolare. Esegue test per gli acidi nucleici che vengono prodotti dal parassita usando qualcosa chiamato reazione a catena polimerasi (PCR). È un test molto sensibile, ma è molto specializzato e richiede attrezzature speciali. Normalmente viene utilizzato dopo una diagnosi di malaria per chiarire ulteriormente quale specie del parassita sta causando la malattia. Ciò consente di essere prescritti per il farmaco appropriato.

Ci sono altri due test di malaria chiamati serologia e resistenza ai farmaci. Né è comunque utile per la diagnosi iniziale. La sierologia rileva anti-corpi ai parassiti malariali, che è solo efficace per rilevare infezioni passate. I test di resistenza al farmaco vengono utilizzati per determinare quale tipo di farmaco possa uccidere meglio un parassita malarico particolare.

Quanto comune è la tonsillite negli adulti?

La tonsillite è molto meno comune negli adulti che nei bambini, ma la condizione si verifica negli adulti e sta diventando molto più frequente. Alcuni medici affermano che l’aumento della tonsillite negli adulti è dovuto al fatto che più adulti hanno ancora tonsille intatte. In passato, una persona era molto più probabile che li avesse rimossi nell’infanzia. Tuttavia, gli adulti hanno spesso costituito un livello significativo di immunità alle infezioni comuni. Come tali, essi restano meno probabili sviluppare la tonsillite rispetto ai bambini.

La tonsillite è una condizione che si sviluppa quando il tessuto ovale, chiamato tonsille, alla parte posteriore della gola di una persona diventa infiammato. La condizione provoca una mal di gola, difficoltà di deglutizione, febbre e ghiandole allargate. Spesso, una persona con questa condizione ha anche delle macchie biancastre o giallastre che si formano sulle sue tonsille. La deglutizione può diventare difficile e si può sviluppare anche un alito cattivo. Una persona con tonsillite può anche sviluppare una mal di stomaco, collo rigido o mal di testa insieme alla condizione.

La stragrande maggioranza delle persone che ricevono la tonsillite sono bambini e persone che si trovano nei primi anni di adolescenza. Adulti, tuttavia, possono ancora essere vulnerabili alla condizione. È difficile dire quanto la tonsillite comune sia negli adulti, ma i medici riferiscono che gli incidenti della malattia sono in aumento. È difficile dire perché questo sia così, ma gli scienziati hanno una teoria. Molti sostengono che la tonsillite negli adulti è più probabile ora perché la rimozione infantile delle tonsille è meno frequente. Questo ha senso, in quanto un adulto senza tonsille non ha alcun rischio di contrarre l’infezione.

Prima degli anni Ottanta, molte persone avevano le loro tonsille rimosse routinamente quando sviluppavano la tonsillite come bambini. Il parere medico di questa procedura ha comunque mutato. Alla metà degli anni ’80, i medici non avevano più pensato che la rimozione delle tonsille dovrebbe essere una procedura di routine. Come tale, la maggior parte delle persone entrano oggi in età adulta con le loro tonsille ancora intatte. La loro semplice presenza si traduce in più casi di tonsillite negli adulti.

Nonostante il fatto che i medici hanno visto un aumento dei casi di tonsillite negli adulti, è ancora meno probabile che si sviluppi negli adulti che nei bambini. Questo può essere dovuto al fatto che gli adulti spesso hanno costruito un’immunità naturale per una serie di malattie, solo in virtù della vita per un periodo di tempo significativo. Come tali, sono meno probabili prendere le infezioni che portano alla tonsillite.

Qual è la compressione del midollo spinale?

La compressione del midollo spinale può essere una delle lesioni più dolorose della schiena. Con queste lesioni, il midollo spinale è compresso da sangue, ossa, pus, tumori o un disco ernia. Un sano midollo spinale è protetto dalla colonna vertebrale, ma alcune ferite e malattie possono mettere una maggiore pressione sul nervo del midollo spinale e del midollo spinale, causando così dolore. Il dolore può durare solo qualche minuto, o in alcuni casi, per giorni alla volta.

I sintomi della compressione del midollo spinale possono variare da lievi a molto gravi. Se i sintomi sono lievi, solo alcuni dei nervi sono compressi lungo la colonna vertebrale. In questo caso, può essere qualche disagio nella zona posteriore, stanchezza muscolare e sensazione di formicolio. A seconda della causa della compressione, la schiena può essere sensibile al tocco lungo la colonna vertebrale. Inoltre, i riflessi, come l’impulso di usare il bagno, possono diventare esagerati e causare l’individuo a avere spasmi muscolari.

Mentre la compressione del midollo spinale diventa più grande, i sintomi diventano più severi. La debolezza dei muscoli della schiena, l’incapacità di liberare completamente la vescica, la perdita di controllo dell’intestino e della vescica e l’intorpidimento alle gambe o alle braccia sono sintomi comuni nei casi peggiori. Se i nervi del midollo spinale sono così compressi che tutti gli impulsi dei nervi del midollo spinale sono affetti, l’individuo può affrontare la paralisi.

Come detto sopra, la compressione del midollo spinale può essere causata da diversi fattori diversi. Ad esempio, se le vertebre sono fratturate, rotte, dislocate o malformate, le vertebre possono comprimere il midollo spinale ei nervi. A volte le vertebre si rompono o si fratturano da un infortunio o da un incidente, ma altre volte diventano fragili a causa dell’osteoporosi o di certi tipi di cancro.

I legamenti e altri tessuti connettivi possono causare la compressione del midollo spinale, se si verifica una lesione traumatica alla schiena. Inoltre, il sangue può raggruppare dentro e intorno al midollo spinale dopo un infortunio, a causa di un difetto nei vasi sanguigni, tumori, l’uso di alcuni anticoagulanti e farmaci, o disturbi emorragici. In quei casi, il sangue può formare un ematoma che mette pressione indebita sul midollo spinale. Inoltre, un disturbo specifico, la sindrome di cavallo equestre, può anche comprimere il midollo spinale.

Nella maggior parte dei casi, gli individui affetti da compressione del midollo spinale possono essere diagnosticati e trattati per aumentare la capacità di funzionare o invertire i danni. Usando la risonanza magnetica (MRI), i medici possono vedere quale sezione del midollo spinale è compresso. Inoltre, un esame fisico può indicare molti dettagli sulla sezione che è danneggiata. Ad esempio, se nelle gambe c’è debolezza e intorpidimento, ma non le braccia e se c’è una perdita di controllo dell’intestino e della vescica, il midollo spinale può essere compresso nella sezione toracica.

Una volta che il medico scopre cosa sta causando la compressione e dove la compressione sta avvenendo, può essere eseguita una chirurgia per alleviare la pressione. Inoltre, se si scopre che il tumore è la causa della compressione, una prima biopsia può essere eseguita. In alcuni casi, i corticosteroidi possono essere somministrati per alleviare il dolore. Inoltre, ogni sangue o pus che si è riunito intorno al midollo spinale sarà drenato.

Quali sono i sintomi della gastrite lieve?

I sintomi di gastrite lieve sono generalmente simili ai sintomi di gastrite grave. Una persona con gastrite lieve può provare una sensazione di bruciore nella parte superiore dello stomaco, con nausea e perdita di appetito. Altri sintomi supplementari potrebbero includere la diarrea, il gas eccessivo e la perdita di peso. I sintomi della gastrite lieve normalmente variano da persona a persona e potrebbero anche essere un segno di altre malattie.

Gastriti lievi e gastriti severi sono entrambi il risultato di un rivestimento infiammato di stomaco. La condizione potrebbe verificarsi come conseguenza di infezioni, uso eccessivo dell’alcool, o di sovraesposizione. Gastriti lievi possono anche essere causati da assunzione di troppi dolori per un lungo periodo di tempo o da una vita costantemente stressante. Alcune persone soffrono di gastrite acuta, che di solito è molto grave in intensità e si verifica tutto in una volta, con poco avvertimento. Gastrite cronica è un problema che molte persone sperimentano per un lungo periodo di tempo.

La diagnosi corretta di un paziente con gastrite può essere difficile per molti medici perché i sintomi tendono ad essere molto simili a altri problemi. Ulcere e gastriti sono spesso misdiagnosed perché i sintomi ulcer sono molto simili a gastrite e viceversa. Se un medico vuole essere al 100 per cento certo che un paziente ha gastriti, in genere svolgerà un esame endoscopico. Questa procedura prevede l’utilizzo di un endoscopio per guardare verso il basso nel tratto digestivo e prendere un campione del rivestimento dello stomaco. Altri modi in cui i medici possono tentare di diagnosticare la gastrite sono i test di sangue, i test di sgabelli e i raggi X.

Nella maggior parte dei casi, la gastrite è facilmente curabile. Il tipo di trattamento prescritto da un medico dipende in genere dal tipo di gastrite e da ciò che ha causato. Se i sintomi risultano da un eccesso di acido stomaco, sono generalmente prescritti gli antiacidi oi bloccanti acidi. La gastrite che è presente come risultato di un’infezione batterica sarà normalmente trattata con antibiotici e un medico può anche prescrivere medicinali che bloccano l’acido. A volte i medici chiederanno una visita di follow-up dopo che il corso degli antibiotici è stato preso per essere sicuri che la gastrite sia andata, cosa che potrebbe comportare un altro test.

Le persone che tendono a ottenere regolarmente gastriti lievi o gravi possono voler attuare alcuni cambiamenti nello stile di vita per impedire la ricorrenza del problema. Limitare il fumo e l’uso dell’alcool e fare scelte alimentari più sane possono aiutare a prevenire la gastrite. Gli alimenti che sono piccanti, fritti e molto grassi sono tipicamente i più probabili causare gastriti. Può anche essere una buona idea passare da aspirina e ibuprofene a coloro che contengono acetaminofene, che è generalmente più facile sulla fodera dello stomaco.

Cosa sono gli steroidi anabolizzanti?

Gli steroidi anabolizzanti sono prodotti chimici farmaceutici che ricordano gli ormoni naturali prodotti dal nostro corpo. Questi farmaci sono stati originariamente fabbricati per trattare in modo legale e sicuro alcuni squilibri ormonali, disturbi endocrini o malattie che perdono muscoli come l’AIDS. Tuttavia, gli steroidi anabolizzanti hanno anche trovato un mercato illegale tra gli atleti che cercano un vantaggio in concorrenza.

Testosterone, gli ormoni sessuali, sono strettamente legati agli steroidi anabolizzanti. È un ormone cruciale per lo sviluppo sessuale e la maturazione fisica. Ad esempio, negli uomini, il testosterone è responsabile delle caratteristiche androgene, o mascolinizzanti, durante la pubertà. Provoca lo sviluppo di organi sessuali, l’approfondimento delle voci, la crescita dei capelli e la produzione di spermatozoi. Inoltre ha effetti anabolici o muscolari durante l’adolescenza. Alcune persone non possono produrre abbastanza il proprio testosterone, quindi la comunità medica sviluppa steroidi artificiali anabolizzanti per curare questi disturbi.

Nel ventunesimo secolo, è cresciuta la pubblicità che circonda l’abuso illegale di steroidi anabolizzanti tra studenti o atleti professionisti. Questa varietà di abuso di stupefacenti ha dimostrato di essere notevolmente comune tra gli studenti delle scuole superiori, gli atleti universitari e persino i concorrenti olimpici. Questi atleti cercano gli effetti anti-catabolici del farmaco illecito per costruire muscoli e prevenire la rottura dei tessuti. Questi steroidi possono renderli più veloci, più forti e funzionare meglio. Tuttavia, innumerevoli complicazioni derivano da questo tipo di abuso di droga.

L’abuso di steroidi anabolizzanti spaziano da effetti collaterali negativi e rischi per la salute dannosi per una maggiore probabilità di contrarre malattie associate all’iniezione di ago, come l’HIV. Quelli che abusano di prestazioni nel rafforzamento delle droghe possono iniettarli intramuscolariamente, ingerendoli in pillola o in forma liquida e addirittura assorbirli attraverso creme attuali. Ci sono innumerevoli svantaggi agli abusi di steroidi, inclusi un aumento del rischio di sofferenza di ictus, insufficienza epatica o attacchi cardiaci. Inoltre, esistono vari effetti androgeni, che variano da ridistribuzione grassa indesiderata, crescita dei capelli, cambiamenti vocali nelle donne e riduzione dei testicoli o impotenza negli uomini. Molte organizzazioni stanno lavorando per sensibilizzare e monitorare la distribuzione del farmaco per ridurre l’incidenza degli abusi.

Qual è la connessione tra il sistema endocrino e il sistema digestivo?

Mentre il sistema endocrino riguarda la produzione di ormoni, il sistema digestivo è coinvolto nell’elaborazione di alimenti. Sebbene i due sistemi sembrano abbastanza diversi, l’intestino è in realtà il più grande degli organi endocrini del corpo, rendendo il sistema endocrino e il sistema digestivo strettamente legati. All’intestino, le cellule intestinali ordinarie sono interspeciate con singole cellule endocrine che costituiscono quello che si chiama il sistema endocrino enterico. Questo sistema, che regola il complesso processo di digestione, assorbimento e incorporazione degli alimenti in cellule, è prodotto da più di 30 ormoni. L’endocrinologia è il ramo della medicina interessata dal sistema endocrino, mentre il ramo relativo al sistema digestivo è chiamato gastroenterologia.

La fisiologia della digestione implica una stretta collaborazione tra il sistema nervoso, il sistema endocrino e il sistema digestivo. Oltre ad avere un proprio sistema endocrino, il budello ha anche un sistema nervoso, noto come il sistema nervoso enterico, legato al sistema nervoso centrale. I nervi aiutano a controllare il movimento alimentare, il flusso sanguigno intestinale e il movimento delle sostanze attraverso la parete intestinale. Gli ormoni del sistema endocrino intestinale regolano la secrezione delle sostanze negli intestini, le contrazioni muscolari dello stomaco e fattori quali la fame e il metabolismo dei grassi.

Anche se il tratto digerente è influenzato da ormoni da altre ghiandole endocrine, è maggiormente controllato dai propri ormoni, i messaggeri chimici secreti dalle cellule nel sistema endocrino enterico. L’ormone gastrina è uno dei primi a rilasciare durante il processo di digestione, e le cellule che producono gastrina, noto come cellule G, si trovano nella fodera dello stomaco. Quando il cibo entra nello stomaco, le cellule G rilasciano gastrina nel flusso sanguigno. Il gastrino si lega ai recettori in quello che si chiama cellule parietali nella fodera dello stomaco e li stimola a secernere l’acido. Come risultato di questa connessione tra il sistema endocrino e il sistema digestivo, molti microrganismi potenzialmente dannosi che entrano nello stomaco con il cibo possono essere neutralizzati.

Quando l’acido viene rilasciato dallo stomaco nell’intestino tenue, questo stimola le cellule della fodera dell’intestino per produrre un ormone noto come secretina. Secretin provoca l’organo digestivo noto come il pancreas per rilasciare un liquido alcalino, che entra nel piccolo intestino e neutralizza l’acido dello stomaco. Le cellule del canale biliare, che escono dalla cistifellea, sono anche stimolate a rilasciare bicarbonato. Questa interazione tra il sistema endocrino e il sistema digestivo protegge l’intestino da bruciature acide. Poiché l’intestino diventa più alcalino, la produzione di secretina è disattivata.

Che cosa sono nares?

Nares sono le aperture esterne del naso, più note a molti laici come le narici. I nares si collegano ai passaggi nasali, permettendo agli animali di respirare attraverso i loro nasi. Oltre ad essere un’apertura per l’assunzione di aria da respirare, le narici vengono utilizzate anche per odorare, con organi sensibili all’odore situati all’interno del naso per elaborare e interpretare informazioni olfattive. Queste informazioni vengono usate per tutto, da perseguire preda, per identificare il latte che è andato fuori e non deve essere consumato.

Una narice singola è conosciuta come una naris. Il naso ha in realtà due set di narici, con il secondo gruppo situato all’interno del naso in cui non sono visibili. I nares sono separati da una struttura nota come setto. In alcune persone, il setto è storto o rotto e questo può interferire con la respirazione. In alcuni casi, il setto è assente o danneggiato in modo significativo e, invece di avere due passaggi nasali, le persone hanno effettivamente una grande cavità aperta all’interno del naso.

I nares sono fiancheggiati da peli sottili che sono progettati per bloccare le particelle in modo che non possano entrare nella trachea e nei polmoni. Sono anche rivestiti di muco prodotto dalle cellule all’interno della cavità nasale. Il muco mantiene le narici lubrificate in modo che non si asciugano come l’aria passa e agisce anche per bloccare materiale prima di colpire la trachea in modo che i polmoni non siano irritati da polline, polvere e altri materiali.

La dimensione e la forma dei nares possono variare notevolmente tra le persone e dipende in parte dalla forma complessiva del naso. A volte le persone scelgono di avere una chirurgia estetica sul naso per cambiare la forma del naso o delle narici per ragioni estetiche. La chirurgia plastica è anche usata per ricostruire il naso se è stata ferita e per affrontare difetti congeniti che interferiscono con la capacità di respirare comodamente. Le procedure chirurgiche possono essere eseguite anche su persone con disturbi del sonno correlati alle variazioni della struttura del naso per affrontare il disturbo e aiutare il paziente a respirare più facilmente.

Oltre a servire una serie di funzioni biologiche, i nares possono anche servire come un utile punto di partenza per la somministrazione di farmaci. Il naso assorbe facilmente i farmaci attraverso le membrane della mucosa e alcuni farmaci vengono preparati come spruzzi nasali o inalatori che vengono soffiati nel naso. I farmaci possono anche essere strofinati all’interno del naso. La consegna attraverso il naso consente di assorbire rapidamente le droghe nel flusso sanguigno in modo che possano iniziare a lavorare rapidamente.