Che cosa è una cisti bronchiale?

Una cisti bronchiale è una crescita tissutale anormale ma non cancerosa che si sviluppa di solito nella trachea, nel polmone o nella cavità tra i polmoni di una persona. Questo tipo di cisti non può causare sintomi a meno che non sia infetto o inizia a causare la compressione dei tessuti circostanti. Ad esempio, può crescere abbastanza grande per causare un disallineamento degli organi interni.

Le cisti possono formarsi in molte parti del corpo. Una cisti è un sacco riempito con liquido, aria, o tessuto solido o semi-solido. Le cisti sono non funzionali, il che significa che non servono a scopo e non beneficiano del corpo.

Chiamata anche una cisti broncogena, una cisti bronchiale è tipicamente presente alla nascita. Anche se i neonati sono nati con loro, non possono essere diagnosticati in giovane età. Invece, il paziente può avere la cisti per molti anni prima di sviluppare sintomi. Infatti, molte persone non scoprono queste cisti finché non sono passate molto tempo dall’infanzia e dall’adolescenza.

Nonostante il fatto che una cisti bronchiale stessa non possa causare sintomi, può ancora minacciare la vita di una persona o contribuire alla malattia. Può comprimere le strutture vitali del corpo, crescendo abbastanza grandi da interferire con altri organi del corpo. La compressione degli organi è particolarmente preoccupante quando colpisce i bambini, poiché i loro organi sono vicini in uno spazio più piccolo del corpo. Ciò significa che una cisti può iniziare a causare gravi problemi prima di un bambino rispetto a un adulto. A volte le cisti si rottura e sanguina.

Ci sono molti sintomi che possono svilupparsi quando una persona ha una grande cisti. La persona può sviluppare una tosse persistente, ad esempio, che è spesso il sintomo più evidente per qualcuno con queste cisti. Le persone con questa condizione possono sviluppare lo stress respiratorio come risultato della compressione dei tessuti e delle strutture della zona. A volte la gente sviluppa anche adenocarcinoma o rabdomiosarcoma, entrambe le condizioni cancerogene, a causa di una cisti bronchiale. Se una cisti rottura o sviluppa un’infezione, il dolore, il disagio e il rilascio di fluidi, compreso il sangue, possono risultare.

Test di radiologia sono tipicamente usati per diagnosticare cisti bronchiali. Gli ultrasuoni sono spesso usati nei neonati mentre i raggi x e le tomografie computerizzate (CAT) possono essere più utili per gli individui anziani. Una volta scoperti, i medici spesso consigliano la chirurgia per rimuovere questi tipi di cisti. A volte i medici usano la chirurgia aperta per rimuovere le cisti, ma le tecniche di chirurgia laser possono essere utilizzate pure.

Quanto è efficace il diazepam per l’insonnia?

Diazepam è un tipo di benzodiazepina, una classe di farmaci che provoca sedazione, rilassamento muscolare e diminuzione dell’ansia. Anche se l’uso di diazepam per l’insonnia può essere efficace a breve termine, ci sono molti effetti negativi possibili per questo farmaco. Può essere forma di abitudini e può causare diversi effetti collaterali, come la sonnolenza o la stanchezza diurna.

Conosciuto anche sotto il marchio Valium, il diazepam è spesso usato per alleviare l’ansia ed è efficace a breve termine per l’insonnia causata da ansia. Può anche aiutare le persone che soffrono di attacchi di panico. Questo farmaco è un rilassante muscolare ed è usato per controllare spasmi muscolari o crisi epilettiche. Può anche essere usato per controllare l’agitazione dal ritiro dell’alcol e trattare alcuni dei sintomi della sindrome dell’intestino irritabile.

L’efficacia del diazepam per l’insonnia quando viene utilizzata per brevi periodi di tempo è ben accertata. La sua efficacia diminuisce per lunghi periodi, però. I pazienti che assumono benzodiazepine per lungo tempo possono anche sviluppare la tolleranza al farmaco, il che significa che non sentono più i loro effetti.

Benzodiazepine come il diazepam sono abitudini che formano, il che significa che le persone che prendono il farmaco possono venire a contare su di essa e soffrire il ritiro quando smettono di prenderlo. C’è anche la possibilità che la gente possa abusare di questo farmaco. Anche se il diazepam può essere efficace, spesso viene utilizzato come ultima risorsa, se altri farmaci per l’insonnia non funzionano.

Questo tipo di farmaco aiuta a trattare l’insonnia cambiando modelli di sonno in diversi modi. Aumentano la durata del sonno, ma possono anche causare sonnolenza durante il giorno. Diazepam per l’insonnia aiuta le persone a addormentarsi più rapidamente. Riduce anche l’eccitazione notturna, permettendo un sonno più profondo e riposante.

Gli effetti collaterali più comuni di diazepam includono la sonnolenza e la stanchezza, che possono verificarsi anche se una persona ottiene una notte piena e riposante di sonno prendendo diazepam per l’insonnia. Questo farmaco può anche causare debolezza o vertigini. Può causare cambiamenti nell’appetito, nella nausea o nella diarrea, che possono portare alla perdita di peso. Gli effetti collaterali più gravi di diazepam includono crisi epilettiche, difficoltà respiratorie o battito cardiaco irregolare. Le persone con questi effetti collaterali devono contattare immediatamente un medico.

Il diazepam può essere usato per trattare il recupero di alcolisti che soffrono di ansia, agitazione o insonnia. Esso è abitudine-formazione, tuttavia, di solito è utilizzato solo quando altri farmaci sono falliti. Ci sono più sicuri farmaci alternativi per l’insonnia che sono tipicamente la prima scelta di trattamento.

Quanto efficace è la doxiciclina per mrsa?

Ci sono una serie di grandi sfide nel trattamento dei batteri conosciuti come Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA). Questo particolare batterio è immune da molti convenzionali trattamenti antibiotici normalmente usati per uccidere i microbi. La dossiciclina, un potente antibiotico che interferisce con la capacità produttiva dei batteri, è stato dimostrato efficace contro la maggior parte dei ceppi di questo organismo infettivo. Per questo motivo, prendere la doxiciclina per le infezioni da MRSA è uno dei trattamenti di prima linea raccomandati da molti professionisti medici.

Le infezioni della pelle e del tessuto molle (SSTI) sono uno dei modi in cui MRSA comunemente presenta nei pazienti. Queste infezioni possono coinvolgere diversi ceppi dei batteri MRSA. I medici prescriveranno di solito la doxiciclina per MRSA che causa SSTI, perché questo farmaco può uccidere la maggior parte dei ceppi dei batteri. Pertanto, il suo uso nega la necessità di identificare un ceppo batterico esatto e determinando quali antibiotici sono efficaci contro quella varietà. Il basso costo di questo antibiotico significa che le comunità possono facilmente utilizzarlo per combattere le epidemie.

La ricerca ha dimostrato che prendere la doxiciclina per il trattamento di MRSA può dare risultati positivi la maggior parte del tempo. Uno studio in cui i pazienti con SSTI sono stati trattati con diversi tipi di antibiotici efficaci contro MRSA ha mostrato che solo la doxiciclina aveva un tasso di successo del 100% per il trattamento. Tutti i pazienti trattati con doxycycline hanno subito un completo rilievo della loro infezione dopo 14 giorni di trattamento. Anche tra i ceppi MRSA resistenti a diversi tipi di antibiotici, questo farmaco tende ad avere un tasso di successo del 80% al 95% per il trattamento.

Molti antibiotici somministrati in un ospedale vengono somministrati per via intravenosa (IV). La dossiciclina per MRSA è somministrata in forma di compresse orale, a causa della sua forza e della sua capacità di essere completamente assorbita nel flusso sanguigno. Questo farmaco ha una dimensione relativamente lunga di 18 a 22 ore, o il tempo che richiede il corpo a rompere ed espellere la metà di una determinata dose di un farmaco. Una lunga emivita significa che doxiciclina non deve essere presa più di una volta ogni giorno. A sua volta, aumenta la probabilità che i pazienti prendano il farmaco regolarmente fino a che l’infezione non sia stata completamente trattata.

Gli effetti collaterali possono verificarsi quando prendono la doxiciclina per MRSA, Questi effetti avversi possono includere nausea, mal di testa e diarrea. Alcuni di questi effetti indesiderati possono essere confusi con i sintomi dell’infezione stessa, per cui occorre prestare attenzione a quando questi effetti si presentano. La vertigini e le emicranie estreme possono essere segni di gravi problemi di salute e devono essere segnalati a un medico se si verificano.

Cosa è l’acqua sterile?

L’acqua sterile è acqua che non ha microrganismi che vivono all’interno di esso. Poiché non è in grado di trasferire patogeni, viene utilizzato principalmente nell’ambiente medico. L’acqua sterile, anche se talvolta distillata, non è la stessa cosa dell’acqua distillata. Poiché alcuni microrganismi possono sopravvivere a temperature elevate, semplicemente l’acqua bollente potrebbe non essere sufficiente per sterilizzarla. Speciali, ma non rare, sono necessarie attrezzature se si desidera sterilizzare l’acqua.

Questo tipo di acqua è priva di tutta la vita microbica. Poiché l’acqua sterilizzata non contiene la stessa quantità di sale disciolto come il corpo umano, si verificherebbe una sovraesattazione se un medico usava l’acqua come fluido di irrigazione durante l’intervento chirurgico o altre procedure mediche invasive. Il valore dell’acqua sterile è la sua capacità di agire come un solvente in molti composti farmacologici che i medici eventualmente iniettano nei pazienti. L’acqua è anche uno strumento per aiutare i medici a pulire le ferite senza mettere i pazienti a rischio di infezione.

L’acqua che è sterile svolge un ruolo importante nella ricerca medica. In molti casi, l’acqua è necessaria per studiare microrganismi. Utilizzando questa acqua è richiesto in questi ed altri esperimenti come acqua normale o addirittura distillata può introdurre batteri esterni nell’esperimento. Questa contaminazione avrebbe invalidato tutti i risultati del test e avrebbe messo in pericolo altri esperimenti nello stesso laboratorio. Pertanto, l’acqua sterilizzata è l’unica acqua accettabile per la ricerca di laboratorio.

L’acqua sterilizzata e distillata sono due cose diverse. L’acqua distillata manca di tutto il sale e altri composti minerali. Poiché non può mai lasciare depositi minerali sulle superfici, l’acqua distillata ha molti usi in ambienti industriali dove è necessario raffreddare l’acqua. A seconda della necessità, è possibile creare acqua sterilizzata e distillata. Il processo di distillazione deve arrivare prima o dopo la sterilizzazione.

Il metodo più comune per sterilizzare l’acqua per uso personale sta bollendo per 20 a 30 minuti. Questa pratica uccide la maggior parte dei microrganismi. Eppure alcuni microrganismi, in particolare quelli che possono causare infezioni pericolose per la vita, possono sopravvivere in acqua bollente. Un altro processo è necessario per rendere l’acqua veramente sterile.

Per fare l’acqua sterile a livello medico a casa, è necessario un fornello a pressione. L’uso della pressione forza la temperatura dell’acqua a salire più in alto del suo punto di ebollizione naturale. Questo aumento della temperatura uccide eventuali microrganismi persistenti. L’acqua che viene fuori di questo processo è medicale e accettabile per l’uso nelle applicazioni mediche.

Cosa è la desquamazione?

La desquamazione è la perdita degli strati superiori del tessuto, la maggior parte classica della pelle, anche se le strutture all’interno del corpo perdono anche le cellule nei loro livelli superiori, mentre le nuove cellule si sviluppano sotto. Questo è un processo naturale, utilizzato dal corpo per fornire un meccanismo per spargere vecchie cellule come nuove cellule si sviluppano. Può anche essere associato allo sviluppo di malattie, dove la perdita della pelle può essere un sintomo di un problema medico sottostante. Le persone che si recuperano da lesioni agli strati superiori del tessuto, come le eruzioni cutanee, sperimentano anche la desquamazione.

Questa parola è derivata da una radice latina utilizzata per riferirsi alla rimozione delle scale dal pesce. Gli individui sani sperimentano questo processo ogni giorno, mentre le cellule della pelle morta che compongono lo strato superiore della pelle vengono sparse. Le condizioni della pelle cronica come l’eczema e la pelle secca sono associati a scottature e perdita di cellule cutanee ad una velocità più rapida del normale. Un’altra causa comune di questo fenomeno è la scottatura, dove gli strati superiori della pelle si sbucciano mentre la pelle guarisce e nuove cellule si sviluppano sotto il tessuto danneggiato.

Alcune malattie infettive, come le infezioni da stadi, possono anche portare a sloughing gli strati superiori della pelle, così come l’esposizione alla radiazione. In alcuni casi, la desquamazione può essere dolorosa, poiché può estendersi diversi livelli e la rimozione degli strati di pelle può danneggiare. È anche potenzialmente sgradevole quando la pelle superiore scivola in fogli e può lasciare i pazienti con uno strato di nuova pelle che è troppo delicata per essere esposto, causando disagio.

Le persone con condizioni che implicano una rapida produzione di nuove cellule cutanee e una maggiore desquamazione possono utilizzare una varietà di tattiche per gestire le proprie condizioni, inclusi l’applicazione di creme e lozioni e l’assunzione di farmaci destinati a sopprimere la produzione cellulare. Se la pelle è tenera, le creme possono mantenere la pelle umida e morbida e possono ridurre prurito e irritazione. Le condizioni della pelle cronica possono non essere curabili, ma possono essere gestite con un’attenta cura medica per mantenere il paziente il più confortevole possibile e ridurre la gravità della condizione.

All’interno del corpo, le cellule epiteliali che strisciano strutture come la vescica vengono continuamente sparse nel tempo come le nuove cellule si sviluppano. Questo processo consente al corpo di scartare le vecchie cellule con funzionalità perse per sostituirle con nuove cellule, mantenendo gli strati superiori dei tessuti interni flessibili e funzionali. L’aumento del tasso di desquamazione può essere indicativo di problemi come l’infezione o l’infiammazione.

Qual è la prognosi per il mieloma multiplo?

La prognosi per il mieloma multiplo può variare a seconda di diversi fattori. Nel peggiore dei casi, il medico può ritenere che la malattia sia irreparabile e solo dare una prognosi debole per la sopravvivenza. Se il cancro viene catturato in una fase precedente, allora c’è una maggiore probabilità di una buona prognosi.

Generalmente, se i pazienti hanno le prime fasi del cancro, le probabilità sono che la prognosi per il mieloma multiplo comporterebbe un possibile recupero. Ciò può significare che le cellule tumorali non si sono ancora diffuse, o che i plasmacitomi – gruppi tumorali simili a cellule plasmatiche – possano essere facilmente rimossi. La chemioterapia e la radiazione sono scelte comuni per il trattamento, ma possono essere offerti anche trattamenti sperimentali. La prognosi per la prima fase può essere positiva, ma i pazienti hanno ancora un’aspettativa di vita media di 62 mesi.

Se la malattia viene colta nella seconda fase, la prognosi può essere ancora positiva, ma il numero delle cellule tumorali è in aumento. L’aspettativa di vita diminuirà a 45 mesi e si possono eseguire anche trattamenti simili. La prognosi del mieloma multiplo alla sua terza e ultima fase può essere molto scoraggiante, poiché le cellule tumorali non solo hanno aggiunto numero, ma si sono anche diffuse nei vari organi. In questa fase finale possono verificarsi molte complicazioni, come la diminuzione delle cellule del sangue, l’aumento del calcio nel sangue e la progressione fatale dei plasmacitomi nelle ossa. Si può ancora fare un trattamento aggressivo e più sperimentale, ma il paziente può avere solo due anni o meno per vivere.

Senza alcun trattamento, un paziente può avere una durata di vita più breve di sei mesi. La prognosi del mieloma multiplo può variare anche se il cancro è attivo o inattivo. Una diagnosi attiva, di solito nelle prime due fasi, significa che il paziente sperimenta sintomi rivelatori e dovrebbe ricevere il trattamento il più presto possibile. Un paziente con mieloma multiplo inattivo non presenta alcun segno di avvertimento e il cancro ha una crescita più lenta. In questo caso, un paziente può vivere fino a 10 anni, con alcuni trattamenti per mantenere il cancro a bada.

Altri fattori che influenzano la prognosi per il mieloma multiplo includono la salute del paziente, l’età e la risposta iniziale al trattamento. La presenza di anticorpi specifici può anche aumentare le possibilità di recupero. Eventuali danni, invece, ad organi vitali come il rene e il fegato possono determinare una prognosi negativa. Se il cancro è ricorrente, anche la speranza di vita diminuisce.

Qual è il trattamento per una cervice prolasso?

I trattamenti per una cervice prolasso includono il rafforzamento dei muscoli pelvici attraverso vari tipi di esercizio, l’uso di un pessario vaginale e, in alcuni casi, la chirurgia. I trattamenti utilizzati o raccomandati in larga misura dipendono dalla gravità della condizione, così come i piani della donna per avere figli o il suo desiderio di evitare di perdere l’utero ad una isterectomia. Non tutte le donne che sperimentano una cervice prolasso dovranno necessariamente ricevere un trattamento medico, in quanto i sintomi di un prolasso pelvico possono essere lievi e non hanno un effetto significativo sulla vita di una donna che li sta vivendo.

Una cervice prolasso si verifica quando i muscoli pelvici di una donna si indeboliscono fino al punto che la sua utero comincia a scivolare. Inizialmente, una donna non può nemmeno essere consapevole della condizione, in quanto la cervice può semplicemente immergere nel canale vaginale e non può provare alcun disagio. Se e come il prolasso progredisce, può essere in grado di sentire un bulbo nella sua vagina, che potrebbe essere il risultato della cervice prolasso o altre condizioni causate dall’indebolimento del suo tessuto pelvico.

Quando una donna cerca innanzitutto un trattamento per una cervice prolasso, il suo medico può consigliarla di eseguire esercizi che possono contribuire a rafforzare il suo pavimento pelvico. Questi esercizi, che possono includere esercizi di Kegel, possono ristabilire la forza in quella zona e potrebbero essere in grado di prevenire ulteriori prolassi. Nei casi in cui il prolasso è più avanzato, una donna può essere consigliata a sottoporsi a terapia fisica o addirittura a terapia di stimolazione elettronica, entrambi i quali possono anche fermare la progressione del prolasso. Un’altra opzione, prevalentemente raccomandata alle donne dopo la menopausa, è la terapia sostitutiva di estrogeni.

Se l’esercizio o il farmaco sono inefficaci o non consigliati per il trattamento della sua condizione, una donna può decidere di utilizzare un pessario per mantenere i suoi organi pelvici in atto. Un pessario è un anello che una donna può mettere dentro la vagina, attorno alla sua cervice, che può stabilizzare la sua cervice e ridurre ogni disagio che sta vivendo. Questa opzione è spesso utilizzata da donne che preferiscono evitare di sottoporsi ad una isterectomia o che non possono avere una isterectomia a causa di problemi di salute.

Rimozione chirurgica dell’utero, noto anche come isterectomia, è un modo permanente per trattare il prolasso. Le donne che non vogliono avere più bambini possono scegliere questa opzione se trovano che il loro prolasso è significativamente debilitante. Come isterectomia è una chirurgia maggiore e uno che lascerà una donna incapace di avere figli, molte donne possono essere inclini a provare altri trattamenti prima di sottoporsi alla procedura.

Cosa è una cervice dilatata?

Nelle donne ci sono momenti specifici in cui la cervice, che si apre all’utero, può aprire o dilatarsi. La maggior parte del tempo si trova in posizione chiusa, ma alcuni interventi chirurgici possono aprire la cervice per accedere all’utero e anche alcune procedure ginecologiche possono farlo. In medicina o naturalmente, alla fine di una gravidanza, si verifica una cervice dilatata per consentire il passaggio del feto dall’utero.

Anche se le persone possono associare una cervice dilatata o aperta come qualcosa che si verifica alla fine di una gravidanza di nove mesi, certamente può verificarsi in altre occasioni. La dilatazione e la curettage (D & C) e la dilatazione e l’evacuazione (D & E) allargano la cervice per accedere all’utero. Ci sono molte circostanze in cui una delle due procedure può avere luogo – per causare un aborto, per terminare un aborto spontaneo o per completare un aborto spontaneo. Un D & C può anche verificarsi per trattare condizioni come sanguinamento vaginale pesante o per controllare il cancro. E ‘importante ricordare che una cervice dilatata si verifica anche durante l’aborto spontaneo, anche se a volte questo deve essere indotto se è mancato.

Alcune procedure di ginecologia dipendono anche dalla dilatazione della cervice in una certa misura. L’inserimento di alcuni dispositivi di controllo delle nascite lo richiede, come nel caso di posizionamenti intrauterini ormonali o non ormonali (IUD). In genere, questa breve dilazione può essere leggermente molto scomodo, anche se la cervice può essere aperta solo un centimetro o due.

In una gravidanza normale, la cervice rimane per lo più chiusa fino al punto di lavoro e di consegna. Nelle ultime settimane, le contrazioni di Braxton-Hicks possono provocare una leggera dilatazione della cervice e alcune donne possono passare una spina di muco chiamata lo sanguinario che indica che il lavoro è imminente. Durante le fasi attive e transitorie del lavoro, la cervice continua a dilatarsi e si possono prendere misure per determinare la sua larghezza specifica. La dilazione completa è di dieci centimetri (3.94 pollici). Quando questo è raggiunto, le donne sono solitamente istruite per iniziare a spingere.

Poiché l’assottigliamento o l’eliminazione della cervice è parte del raggiungimento della cervice completamente dilatata, molte donne in stato di gravidanza vogliono sapere come arrivare a questo punto prima. Ci sono molti suggerimenti e trucchi per ottenere una dilatazione quando viene raggiunta la data dovuta. Uno dei più noti di questi è avere rapporti con un partner. L’esposizione agli spermatozoi è un’esposizione a prostaglandine, che aiuta a ammorbidire oa eliminare la cervice. Con un lavoro indotto, i medici possono utilizzare un inserto di prostaglandine per ottenere una cervice ammorbidita o dilatata.

Ottenere una cervice dilatata più velocemente non è sempre auspicabile. Alcune donne si dilatano rapidamente in quello che si chiama lavoro precipitoso. Questo può non essere inizialmente notato o molto doloroso, in modo che quando i segni di lavoro presentano, le cose sono improvvisamente estremamente dolorose e la consegna si muove ad un ritmo troppo veloce. In definitiva, la dilatazione graduale, anche se scomodata, è di solito più sicura sia per la mamma che per il bambino.

Che cosa è la polio paralizzata?

La polio paralitica è una grave forma di poliomielite, un’infezione causata dal poliovirus. Perché è così grave, ha storicamente occupato una gran parte della copertura mediatica della polio. Alcune figure storiche molto importanti hanno subito questa condizione, come il presidente americano Franklin Delano Roosevelt. Questa forma è in realtà molto rara, tuttavia, e sta diminuendo costantemente.

Il poliovirus, molto infettivo, preferisce l’ambiente del tratto intestinale. Qualcuno infetto da questa malattia ha solitamente una forma lieve che spesso risolverà da sola, con circa il 95% dei casi classificati come lievi. In alcuni casi, però, il virus sarà più aggressivo, e in circa il 2% dei casi si sviluppa in polio paralitico.

In questi casi il virus attacca il sistema nervoso centrale. Quando solo il midollo spinale è affetto, come nella maggior parte dei casi gravi, è conosciuto come polio spinale. Quando il fusto del cervello viene attaccato, è conosciuto come polio di bulbar, e quando sono coinvolti sia il cervello che il midollo spinale, è classificato come polio bulbospinal. Poiché il virus attacca il sistema nervoso centrale, provoca paralisi e molte complicazioni.

I sintomi della polio paralizzata comprendono difficoltà di deglutizione, problemi di respirazione, dolori muscolari, febbre, rigidità, debolezza muscolare, tremori e spasmi. In alcuni casi, i muscoli che regolano la respirazione diventano paralizzati, nel qual caso il paziente deve essere messo su un ventilatore artificiale in modo che lui o lei possa respirare. Storicamente, i pazienti spesso si sono feriti in polmoni di ferro, ventilatori a pressione negativa specializzati.

Nel 5-10% dei casi, questa malattia uccide. Il tasso di mortalità è maggiore negli adulti, in cui le infezioni polio sembrano essere più severe. Molte persone soffrono di complicazioni della polio paralizzata, come la paralisi, gli arti malformati, la debolezza muscolare e la difficoltà a respirare. La terapia fisica può notevolmente aiutare con queste complicanze della malattia, rendendo la vita più comoda e piacevole per il paziente.

La grande tragedia della polio è che è evitabile attraverso la vaccinazione. Nella maggior parte delle regioni del mondo, l’immunitario di branco è stato raggiunto attraverso un’ampia copertura vaccinale, rendendo i casi molto rari. Alcune nazioni in via di sviluppo hanno ancora istanze di polio, tuttavia, molto alla frustrazione di operatori sanitari che vorrebbero sradicare questa malattia.