Quali sono gli effetti collaterali della medicina tiroidea?

Gli effetti collaterali della medicina tiroidea possono verificarsi quando un paziente sta assumendo troppo o meno, causando anormali livelli di ormone tiroideo. Ci possono anche essere preoccupazioni circa le interazioni con altri alimenti o componenti dietetici come lo iodio. Gli effetti collaterali precisi possono dipendere dal farmaco e dalle concentrazioni di ormoni tiroidei nel corpo, ma possono comprendere mal di testa, scarsa termoregolazione, cambiamenti di peso e stanchezza. I pazienti devono discutere gli effetti collaterali con i loro fornitori medici, in quanto possono indicare che il farmaco non funziona come previsto.

Le persone che non producono abbastanza ormone tiroideo devono prendere un farmaco sintetico per sostituire la funzione di questa ghiandola. Mentre hanno bassi livelli ormonali possono avere sintomi come dolori muscolari, stanchezza estrema e costipazione. Questi possono persistere mentre il dosaggio della medicina tiroidea è regolato lentamente verso l’alto per trovare il punto in cui è efficace. I pazienti possono trascorrere settimane o mesi a prendere il farmaco durante il quale frequentano appuntamenti regolari per verificare se necessitano di dosi più elevate.

Una volta che il paziente è sulla giusta dose, gli effetti collaterali dovrebbero risolvere, perché il corpo sta ottenendo l’ormone necessario. Se le concentrazioni aumentano troppo elevate, le persone possono notare effetti collaterali della medicina tiroide come la perdita di peso, scosse incontrollate, diarrea e sudorazione. Alcuni pazienti sperimentano nervosismo o agitazione insieme all’insonnia. Questi sintomi possono persistere fino a quando i livelli ormonali non sono adeguatamente equilibrati portando la dose all’indietro o risolvendo un’interazione farmacologica.

Più seriamente, la medicina tiroidea può causare dolori al torace, eruzioni cutanee, aritmie e palpitazioni. Questi possono essere un rischio particolare per le persone che presentano malattie dell’arteria coronarica o altre condizioni cardiache e devono essere segnalate a un medico se si verificano. Il dosaggio della medicina tiroidea può essere regolato per riportare i livelli in ritardo e trovare un livello più appropriato da utilizzare in futuro. Ciò assicura che il paziente ottiene abbastanza farmaci per sostituire la funzione della ghiandola tiroide senza accumulare troppo, potenzialmente sperimentando complicazioni avverse.

Quando questo farmaco è raccomandato, i pazienti devono rimanere addosso fino a quando il problema sottostante non viene risolto o per la vita, se la tiroide è danneggiata o rimossa definitivamente. Durante il trattamento con la medicina tiroidea, i pazienti devono frequentare appuntamenti medici regolari per consentire a un medico di controllare i livelli. Questi possono identificare un aumento degli ormoni prima che inizia a causare gravi effetti collaterali, in modo che il medico possa regolare preventivamente il dosaggio per prevenire fastidio.

Come faccio a alleviare il prurito di lieviti?

Una persona può trattare l’infezione del lievito prurito utilizzando un trattamento over-the-counter, come una crema o una supposta, o utilizzando un rimedio a casa. Prima di trattare un’infezione del lievito, una persona dovrebbe controllare con il suo medico per assicurarsi che i sintomi vissuti siano effettivamente causati dal lievito. Il medico può anche prescrivere farmaci che aiuteranno a trattare il problema sottostante e alleviare il prurito.

I farmaci antifungini come miconazolo, clotrimazolo e tioconazolo sono disponibili sul bancone. La forza di questi farmaci varia, così come la lunghezza del trattamento. I trattamenti che contengono tioconazolo possono solitamente alleviare efficace l’infezione del lievito prurendo e chiarire l’infezione entro un giorno, mentre i trattamenti di miconazolo possono richiedere fino a una settimana per eliminare l’infezione e alleviare il prurito. Molti rimedi over-the-counter combinano una supposta che viene inserita nella vagina con una crema topica per lenire il prurito esterno.

Fluconazolo è un farmaco orale da prescrizione che libera infezioni da lieviti e allevia prurito. Una persona non può ottenere il fluconazolo senza prima vedere il suo medico. Una dose è tutto ciò che serve per eliminare l’infezione. Mentre il fluconazolo è rapido ed efficace, ha alcuni effetti collaterali potenziali, tra cui nausea e dolore allo stomaco.

Alcune donne ritengono che mangiare yogurt che contiene colture vive o prendere un integratore probiotico aiuta ad alleviare il prurito di lievito, soprattutto se sviluppano l’infezione mentre su antibiotici. Lactobacillus acidophilus, un batterio benefico che si trova comunemente in yogurt o integratori, aiuta a uccidere l’eccesso di Candida, che è il lievito che causa infezioni. Una persona può scoprire che l’applicazione di lattobacillus acidophilus o yogurt direttamente alla vagina riduce anche il prurito, anche se non sono stati effettuati studi medici sufficienti per dimostrare che l’applicazione topica dello yogurt è efficace.

Altri rimedi a casa per alleviare il prurito di lieviti includono prendendo una pillola d’aglio o inserendo uno spicchio d’aglio, avvolto in garza, nella vagina. Alcune persone sostengono che i supposte di acido borico, doubling con aceto o utilizzando una crema di olio di tea tree sono anche efficaci per alleviare tale prurito. Si raccomanda che una persona controlla con il suo medico prima di provare qualsiasi rimedio a domicilio, soprattutto se ha un’altra condizione o è incinta.

Alcuni trattamenti aiuteranno ad alleviare il prurito di lieviti e possono impedire una ricorrenza dell’infezione. Praticare una buona igiene ma evitare irritanti come profumi e saponi, che possono rendere peggiori il prurito, possono anche aiutare. Anche la posa di un panno fresco sulla zona di prurito può essere utile.

Che cosa è il muco vaginale?

Il muco vaginale, chiamato anche scarico vaginale o muco cervicale, viene prodotto dalla cervice per pulire l’area vaginale e proteggerlo da batteri, virus e altri oggetti stranieri. La quantità di muco prodotto dal corpo di una donna varia durante l’ovulazione e la mestruazione e può indicare la fertilità. I fattori esterni possono anche influenzare la quantità di muco prodotto. In alcuni casi, i cambiamenti nel muco vaginale possono indicare un’infezione o un’altra malattia.

Tutte le scariche vaginali sono prodotte da ghiandole nella cervice. Il muco è il più comune nelle donne in età fertile. Come le donne invecchiano e passano attraverso il menopausa, la quantità di muco vaginale prodotta dai loro corpi diminuisce.

A seconda dello stadio del ciclo mensile di una donna, il muco vaginale può variare a colori, consistenza e spessore. Il muco è chiaro quando viene prodotto, ma di solito diventa bianco o giallo a colori quando lascia il corpo. Mentre il suo ciclo inizia ogni mese, una donna può notare che il suo muco è molto spesso e bianco. Mentre comincia ad ovulare, la scarica diventa più chiara e più elastica in tessuto.

Se una donna vuole diventare incinta, può seguire i cambiamenti nel suo muco cervicale per un periodo di mesi per imparare quando è il momento migliore per tentare la gravidanza. Dal momento che lo scarico cambia nella qualità durante l’ovulazione, una donna può imparare a riconoscere la qualità del suo muco quando sta ovulando rispetto a poco dopo il suo periodo o in altre volte nel suo ciclo. Durante il suo ciclo, una donna può raccogliere campioni di muco durante tutto il mese.

Prendere il controllo delle nascite o alcuni farmaci possono ridurre la quantità di scarico o muco prodotto dal corpo. Se una donna è stressata, può notare che il suo corpo produce più muco del solito. L’eccitazione sessuale può anche aumentare la quantità di muco prodotto.

Le modifiche al muco vaginale possono indicare anche problemi nel corpo. Se il muco diventa molto spesso, è di colore bianco e accompagnato da prurito, di solito indica un’infezione del lievito. Muco verde o giallo può suggerire che una donna ha un’infezione batterica. Anche i batteri possono causare il muco ad avere un profumo spiacevole.

Subito dopo la mestruazione, il muco vaginale può essere scuro o marrone di colore. Il muco sta rimuovendo ogni sangue mestruale rimanente dal corpo. Una scarico brunita al momento in cui una donna normalmente mensola, al posto del suo solito flusso, può significare che lei è incinta.

Che cosa è l’artrite lyme?

L’artrite di Lyme è malattia articolare causata da infezione da batteri nel genere Borrelia. Talvolta la gente infetta da questi batteri ha la malattia di Lyme. Il trattamento per l’artrite Lyme include la somministrazione di antibiotici per uccidere i batteri, accoppiati con farmaci antinfiammatori per ridurre il gonfiore e rendere il paziente più confortevole. La ricerca ha suggerito che alcune persone sviluppano ciò che è conosciuto come malattia cronica di Lyme, in cui la malattia ricorre ciclicamente anziché essere eliminata con il trattamento.

Questi batteri vengono introdotti al corpo attraverso morsi di zecche. La malattia è chiamata per Lyme, Connecticut, dove è stato osservato il primo gruppo di casi. Dolore articolare, gonfiore, infiammazione e irritazione è un segno distintivo della malattia di Lyme. L’artrite di Lyme può essere visto in persone di qualsiasi età. Se i batteri persistono non trattati nel corpo, altri sintomi possono svilupparsi, compresi i sintomi che coinvolgono il sistema nervoso centrale in alcuni casi, le persone con malattia di Lyme possono sentirsi affaticati, provocare dolori al nervo e sviluppare eruzioni cutanee.

Quando l’artrite è identificata in qualcuno che non è altrimenti a rischio di artrite, l’artrite Lyme può essere considerata come una causa potenziale. Se la persona è stata in una zona in cui è presente la malattia di Lyme ed è stata esposta a ticks, questi possono essere indicatori forti che il paziente può avere artrite Lyme. Possono essere utilizzati test diagnostici, inclusi i test sul sangue e sul fluido congiunto per verificare la presenza del batterio per confermare la diagnosi. Gli specialisti che sono abituati a vedere i casi di Lyme possono essere più abili a identificare la malattia nelle prime fasi.

Gli antibiotici sono la prima linea di difesa nel trattamento dell’artrite di Lyme. Sono somministrati per uccidere gli organismi che causano malattie dietro l’infiammazione. Se il giunto di un paziente è insolitamente doloroso o gonfio, possono essere prescritti farmaci per trattare il dolore e il gonfiore in modo che il paziente sarà più comodo. Alcuni pazienti beneficiano anche di compresse calde, riposo e molta fluidità.

Nei pazienti in cui la malattia di Lyme è ricorrente, il dolore nelle articolazioni può essere un segnale precoce che un altro attacco della malattia sta per iniziare. L’artrite di Lyme può causare gravi danni alle articolazioni perché possono essere consumate con infiammazione. Di conseguenza il paziente può verificarsi dolore, rigidità e riduzione della portata del movimento legato al danno alle articolazioni. L’allungamento delicato può aiutare i pazienti a mantenere la loro gamma di movimento e mantenere le articolazioni più sane possibile.

Qual è l’encefalomalacia?

L’encefalomalacia è un termine medico che si riferisce a una condizione che fa sì che il cervello diventi morbido. Compresi anche come cerebromalacia o ammorbidimento cerebrale, questo cambiamento anomalo del cervello è causato da una sorta di lesioni. A seguito di lesioni al cervello, gonfiore e infiammazione, il processo protettivo e curativo del corpo, sono iniziati. In alcuni casi questa variazione nella dimensione del cervello innesca un’alterazione nella flessibilità del cervello.

Un ammorbidimento del cervello può verificarsi in una zona specifica o può essere diffuso. Una emorragia o un sanguinamento nel cervello può causare l’encefalomalacia, che è tipicamente visto in una zona localizzata dove c’è una raccolta anormale di sangue. Sebbene raro, ampio ammorbidimento del cervello può anche essere causato da degenerazione o deterioramento del cervello. Questo declino nel tessuto cerebrale potrebbe essere il risultato di una condizione di salute o di una malattia.

La sindrome di Millard-Gubler, una circostanza rara di benessere fisico compromessa, è un esempio di questa condizione. Questo disturbo di origine sconosciuta provoca un cambiamento unilaterale nella consistenza del cervello. Questa condizione di salute è causata da una ostruzione del flusso sanguigno ai pons.

Il pons è una parte del cervello che si trova sul fusto del cervello. È composto da piccole strutture a tronco parallele che formano un ponte per collegare le diverse aree del cervello. Serve anche come percorso per segnali neurologici o nervosi per trasmettere informazioni a varie aree del corpo. I pons controllano funzioni corporee quali il controllo della vescica, il sonno, la respirazione e l’equilibrio. Inoltre è responsabile del controllo delle sensazioni e dei movimenti del viso.

Poiché i pons sono collegati a diversi nervi cranici, l’ammorbidimento del cervello dovuto alla sindrome di Millard-Gubler e la sua correlata encefalomalacia è considerata un disturbo neurologico. I problemi possono irritare i nervi del volto che a loro volta possono influenzare il movimento degli occhi e delle sensazioni o sensazioni facciali. In casi estremi può anche portare a una condizione chiamata emiplegia contralaterale o incrociata. Questa forma di paralisi o di incapacità di muoversi influenza il lato opposto all’encicembalalacia.

Il trattamento consiste nel trovare e trattare la causa fondamentale del cambiamento nella massa o nella consistenza del cervello. In casi gravi può essere necessaria la rimozione del materiale cerebrale ammorbidito. Non è chiaro se il tessuto del cervello morbido possa tornare alla normalità. Non è anche chiaro se la mobilità funzionale o le sensazioni alterate dai cambiamenti della consistenza del cervello torneranno alla normalità una volta rimossi quei settori.

Quali sono gli effetti collaterali della pillola dell’aborto?

Nella maggior parte dei casi, gli effetti collaterali della pillola dell’aborto sono relativamente minori. Ad esempio, una donna che ha preso la pillola per l’aborto può avere nausea, vomito, crampi, mal di testa e una sensazione di debolezza o di stanchezza. Il sanguinamento è anche un effetto normale della pillola dell’aborto, in quanto il farmaco funziona per espellere l’embrione dall’utero della donna. In alcuni casi, tuttavia, una donna può verificarsi sanguinamenti eccessivi o vomito dopo aver preso la pillola. Alcune donne possono avere reazioni allergiche anche alla pillola dell’aborto.

La pillola dell’aborto è un medicinale usato per porre fine a una gravidanza precoce. Funziona per stimolare la dilatazione della cervice e l’espulsione della gravidanza in via di sviluppo. Nella maggior parte dei casi, questo farmaco termina una gravidanza senza causare gravi effetti collaterali. A volte, tuttavia, gli effetti collaterali durano più a lungo o sono più severi del previsto. In tal caso, una donna può avere bisogno di richiedere assistenza medica.

Gli effetti collaterali della pillola dell’aborto spesso includono sconvolgimenti gastrointestinali. Dopo aver preso la pillola dell’aborto, una donna può essere nauseata e in alcuni casi può anche vomitare. Alcune donne soffrono di diarrea dopo aver preso anche la pillola dell’aborto. Inoltre, il dolore addominale è un effetto collaterale comune quando una donna sta subendo un aborto di farmaci.

Il sanguinamento si verifica tipicamente dopo che una donna ha assunto la pillola dell’aborto. Lo scopo della pillola dell’aborto è quello di causare la rottura dell’utero di una donna e quindi espellere il contenuto dell’utero dal corpo. Il sanguinamento è una parte naturale di questo processo e può essere pesante a volte. Inoltre, l’emorragia che una donna sperimenta può essere accompagnata da dolori crampi uterini, e molte donne passano i coaguli di sangue anche attraverso la vagina.

La vertigini, la debolezza e la stanchezza sono anche tra i possibili effetti collaterali della pillola dell’aborto. Alcune donne possono anche sviluppare una lieve febbre e brividi dopo aver preso questo tipo di farmaco. Mal di testa può anche svilupparsi.

La maggior parte delle donne che prendono la pillola dell’aborto si riprendono senza gravi effetti collaterali. In alcuni casi, tuttavia, gli effetti collaterali della pillola dell’aborto possono essere gravi. Se una donna sperimenta un eccessivo sanguinamento, perde la coscienza o ha una febbre che dura più di poche ore, può fare bene a cercare il consiglio di un medico. Allo stesso modo, i segni di una reazione allergica, passando grandi coaguli per più di un paio d’ore, e il vomito per più di poche ore può significare un’attenzione medica.

Cosa è aspergillus niger?

Aspergillus niger è un fungo filamentoso ampiamente distribuito, responsabile del deterioramento di molti cibi. Ci sono alcuni casi che hanno causato malattie nell’uomo, ma è principalmente un agente patogeno. Questo fungo si trova spesso all’interno e cresce come colonie nere. Noto come muffa nera, è spesso confuso con lo stampo nero tossico, Stachybotrys chartarum, che può infestare le case danneggiate dall’acqua e causare gravi sintomi nelle persone.

Lo stampo nero è sempre presente nel terreno e la materia vegetale decadente, come i pali di compost. Le sue spore sono molto comuni nell’aria. Persone sane possono ammalarsi da questo fungo, se respirano una grande quantità di spore contemporaneamente. La malattia risultante può essere un tipo di pneumonite, o un’infiammazione delle pareti – o dei sacchi d’aria nelle pareti – dei polmoni. Questa condizione si migliora normalmente dopo diverse settimane di riposo e di trattamento. È anche possibile ottenere aspergillosi, una sindrome più grave delle condizioni del polmone, da respirare queste spore.

Le persone particolarmente vulnerabili all’aspergillosi sono quelle che hanno compromesso i sistemi immunitari. Ciò può essere dovuto a malattie, come l’infezione da HIV. Può anche trattarsi di trattamenti medici che sopprimono il sistema immunitario, come quelli che prevengono il rigetto dell’organo o del midollo osseo. Questa malattia, tuttavia, è di solito causata da Aspergillus fumigatus.

Una malattia che Aspergillus niger è stato trovato per causare frequentemente in persone sane, è l’infezione da orecchio. Ciò può causare dolori e alterazioni temporanee dell’udito. I casi gravi possono causare danni al canale uditivo e alla membrana tibano, o timpano.

Questo fungo è ampiamente usato industrialmente per produrre una varietà di composti organici, inclusi molti tipi di enzimi. Ad esempio, aiuta a produrre, tra gli altri, gli enzimi pectinasi, alfa-galattosidasi e glucosio ossidasi. Grandi quantità di funghi sono tipicamente coltivate in vasetti giganti, noti come fermentatori, per produrre una quantità sostanziale del prodotto desiderato.

Ci sono state alcune segnalazioni di asma indotto da questo fungo. In un caso, un particolare ceppo è stato utilizzato industrialmente per alterare la melassa, per produrre acido citrico. Un certo numero di lavoratori coinvolti ha sviluppato l’asma. Il fattore che ha causato l’asma sembra essere specifico del singolo ceppo di fungo utilizzato.

C’è qualche dibattito, ma sembra che Aspergillus niger renda i composti conosciuti come micotossine. Questi sono composti fungini tossici per gli esseri umani e gli animali. Sono prodotte da alcuni ceppi in condizioni particolari di crescita.

Aspergillus niger è un contaminante alimentare comune. Può crescere su una vasta gamma di colture, ed è un problema particolare sulle cipolle – sia in deposito che in campo. Esso appare anche sui cereali immagazzinati, come il grano e il riso, e sui legumi, come le soia e le arachidi. Negli studi di laboratorio, i topi ei pulcini sono morti dopo essere stati alimentati alimenti contaminati da aspergillus niger, come le soia di muffa, che presumibilmente contenevano le micotossine. Il cibo umano che è noto per essere soggetto alla contaminazione di micotossina viene generalmente sottoposto a screening per la sua presenza per garantire la sicurezza pubblica.

Quali sono gli effetti della clorofilla?

La clorofilla, la molecola che permette la fotosintesi, è una componente essenziale della maggior parte delle piante e è ciò che dà loro il loro colore verde. I prodotti prodotti con clorofilla vengono utilizzati per diversi motivi, spesso per deodorare diversi odori del corpo, tra cui il respiro cattivo, i movimenti intestinali odorosi e gli odori generalizzati del corpo dovuti a problemi di malattia o metabolismo. In alcuni casi gli effetti della clorofilla possono essere negativi anziché positivi, in particolare quando si tratta di una reazione allergica.

Gli effetti benefici della clorofilla come deodorante sono noti per molti anni e sono stati utilizzati con diversi gradi di successo come un deodorante interno. È dato a persone e animali per aiutare con gli odori della bocca, odori di flatulenza e dolori e cattivi odori correlati a problemi cutanei o lesioni. Quando viene data ai cani femminili durante la stagione, uno degli effetti di questa sostanza è quello di ridurre gli odori che attirano i cani maschi, riducendo al minimo il problema dei suitors indesiderati che vengono in giro perché mascherano l’odore naturale.

Sono stati fatti molti indizi relativi alla salute per quanto riguarda gli effetti benefici della clorofilla, ma la maggior parte non è stata studiata adeguatamente e in genere è considerata non dimostrata né disprovata. Alcuni dei vantaggi che rientrano in questa categoria sono la capacità di abbattere i calcoli renali, eliminare il dolore cronico del piede legato alla fasciite plantare e curare vari tipi di cancro. Molte persone usano la clorofilla per questi scopi, ma i benefici sono aneddotali ei risultati sono incoerenti.

Un’eccezione a questa regola è che la clorofilla si suppone per aiutare a guarire le ferite e ad avere un effetto antinfiammatorio in tutto il corpo. In alcuni studi, quelli con colite ulcerosa che consumavano un integratore di grano grasso indicavano significativamente meno sanguinamento rettale e diarrea rispetto a quelli che bevevano un placebo. La clorofilla contenuta nel succo può essere potenzialmente una parte importante del vantaggio complessivo di bere gli integratori di wheatgrass su base regolare.

Alcuni credono che la clorofilla possa combattere il cancro nel corpo, specialmente alcuni tumori come il cancro del fegato e del rene, che spinge molte persone a provare questo supplemento. Sebbene un certo numero di persone sono disposte a dare testimonianze, non ci sono studi scientifici che dimostrano o contestano questa affermazione. Molti medici ritengono che l’aggiunta di un integratore ricco di clorofilla, come il succo di granoturco, possa trarre vantaggio dai pazienti affetti da tumore, ma non tutti i medici concordano. È meglio per gli individui con problemi di salute che stanno prendendo in considerazione l’aggiunta di clorofilla per consultarsi con il proprio medico personale prima di procedere.

Esistono pochissimi effetti negativi in ​​materia di clorofilla, ma le persone con allergie possono presentare un livello grave di rischio. In questi casi l’utente può verificarsi gonfiore della bocca e della gola, dolore al petto e difficoltà respiratorie. Eruzioni cutanee e orticaria possono anche verificarsi in individui sensibili. Tutti questi problemi devono essere presi seriamente e se una persona ha difficoltà a respirare è importante ricercare immediatamente un aiuto medico.

Quali sono i sintomi più comuni di un osso oscillante sul gomito?

I sintomi più comuni di un osso oscillante sul gomito sono dolori, bloccaggio del giunto e una perdita di movimento del gomito. Gli speroni dell’osso sono più comuni nei pazienti affetti da osteoartrite, una malattia degenerativa dell’osso. Molti individui non sperimentano sintomi da un osso osseo, a meno che non raggiunga una certa dimensione o forme vicino a un tendine o un legamento.

Gli speroni dell’osso, chiamati anche osteofiti, sono le sovrapposizioni ossee che si formano in alcune articolazioni del corpo. Sono causati da stress costante all’osso, come l’uso eccessivo del gomito o come conseguenza di una malattia, come l’osteoartrite o la borsite. Il trauma al gomito può anche provocare una stimolazione.

La causa più comune di un osso oscillante sul gomito è l’osteoartrite. Nell’artroso, la cartilagine che protegge e circonda l’osso si allontana, causando che le ossa si strofinano insieme o si estinguono. Se c’è un trauma alle ossa del gomito, il processo di guarigione può sovra-compensare e creare accumulo di calcio, che a sua volta crea una sporgenza ossea.

Se c’è dolore a causa di una speranza, in genere significa che l’area di sovrapposizione è abbastanza grande da appoggiare la pressione sul tessuto circostante, comprimere un nervo o grattugiare contro un altro osso. Oltre al dolore, può esserci gonfiore, arrossamento e infiammazione. Se la sporgenza dell’osso diventa allentata, può depositare nel giunto e bloccare temporaneamente il gomito fino a quando non si dislodge di nuovo.

Gran parte del tempo, gli spurs ossee sono senza sintomi, soprattutto nelle loro fasi iniziali. Sono spesso trovati solo come risultato di un raggi X o di altri test che cercano un altro problema. In genere, gli speroni dell’osso non vengono trattati. Se ci sono sintomi, come il dolore, la perdita di movimento o il bloccaggio dell’articolazione, potrebbe essere necessario eseguire la chirurgia. Saranno spesso somministrati colpi di cortisone e farmaci antinfiammatori per vedere se riducono dolori o gonfiori.

L’intervento chirurgico per un osso oscillante sul gomito è di solito un’ultima soluzione poiché la maggior parte dei sintomi può essere gestita con farmaci. Nel caso dell’osteoartrosi o di qualsiasi altra malattia che possa portare a spurie ossee, occorre indirizzare la causa sottostante in modo che non si manifestino ulteriori speroni.

Cosa è l’autofagia?

L’autofagia è un nome sia per il processo di mangiare parti del proprio corpo e per un termine usato per descrivere una condizione psicologica segnata dal desiderio di farlo. Questo termine può anche riferirsi ai processi naturali che l’organismo utilizza per consumare i suoi tessuti, sia come risposta a una grave fame, sia per rimuovere le cellule vecchie o morte dal corpo. Una versione delicata di questo comportamento è comune nella maggioranza degli uomini e delle donne. Non è stata individuata alcuna causa chiara per spiegare istanze più gravi di autofagia, ma in alcuni casi la condizione è legata alla pizza, alla necessità di consumare oggetti non commestibili, o al disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).

La maggior parte degli esseri umani impegna leggere forme di autofagia con una certa regolarità. Questo comportamento è tipicamente limitato alle unghie mordenti e masticando sulla pelle morta alle punte delle dita o sulle labbra. Questo tipo di comportamento può essere indicativo di elevati livelli di stress, ma non è normalmente motivo di preoccupazione.

Nei casi più gravi, il comportamento coinvolge l’auto-mutilazione, e viene a somigliare a una forma di cannibalismo. Il comportamento si manifesta spesso come una versione più estrema dei tipi normali di autofagia che fanno parte della vita umana di tutti i giorni. Un uomo o una donna potrebbero infliggere gravi lesioni alle proprie dita, o addirittura rovinarle completamente. Le istanze in cui uno strumento di qualche tipo viene utilizzato per tagliare una parte del corpo sono generalmente classificati in modo diverso, come varietà di auto-cannibalismo.

Le ragioni precise di questo tipo di comportamento non sono perfettamente capite. In alcuni casi, il comportamento è considerato un’estensione di altri sintomi più lievi di OCD. Altri casi possono coinvolgere gli stessi impulsi sottostanti che alimentano la pizza. Questi casi possono derivare da una combinazione di malnutrizione effettiva, di disagio psicologico e di segnalazione anomala nelle porzioni del cervello responsabili dell’orientamento dell’appetito.

Alcuni casi possono derivare da un desiderio di sperimentare la sensazione, forse a causa di una perdita di input sensoriale da altre fonti. I pazienti, in particolare gli anziani, che sperimentano la perdita sensoriale, possono cercare di compensare ciò cercando forti stimoli. Una spiegazione supplementare per questa condizione dimostra che questo comportamento è determinato da un desiderio di infliggere dolore al corpo, forse a causa di problemi sessuali profondamente radicati o nel tentativo di affrontare lo stress, ma anche questo non è stato conclusivamente dimostrato.

Gli operatori sanitari responsabili del trattamento dell’autofagia devono affrontare entrambe le cause psicologiche o fisiologiche del comportamento e delle lesioni fisiche. Il trattamento comprende tipicamente la cura della ferita standard per accelerare la guarigione e prevenire l’infezione. I sintomi di OCD, se presenti, vengono di solito trattati con medicina o terapia. Sono altresì affrontate tutte le altre condizioni psicologiche pronunciate, e se si possono identificare potenziali stressori emotivi.