Quali sono i trattamenti per il fungo viso?

Il fungo viso è spesso curabile con creme antifungine, anche se l’efficacia del trattamento dipende dal tipo di fungo che ha causato l’infezione. Una minore infezione fungina può rispondere alle creme antifungine over-the-counter (OTC), mentre più funghi più gravi o persistenti richiedono probabilmente l’uso di una crema o una lozione antifungina prescritta. Nel caso in cui una persona ha un caso meno probabile di rispondere al trattamento topico, un medico può prescrivere invece farmaci orali.

Un individuo può prima provare agenti antifungini topici per il trattamento del fungo viso. Se una persona ha un caso minore, può tentare di trattarlo a casa con creme antifungine OTC e lozioni. Spesso, questi prodotti hanno un principio attivo come miconazolo, terbinafina o clotrimazolo. Di solito, le istruzioni per questi prodotti richiedono una persona ad applicare la crema o lozione alla zona interessata della pelle una o due volte al giorno. Se l’individuo non vede miglioramenti dopo il numero di giorni elencati nelle istruzioni, può fare bene a cercare la valutazione e il trattamento di un medico.

Se un individuo ha un grave caso di fungo del viso, può beneficiare di vedere un medico subito, piuttosto che cercare di trattarlo da solo. Un medico può prescrivere un trattamento antimicrobico topico che è più forte di quello disponibile sul bancone e più probabile per eliminare completamente e rapidamente l’infezione. Allo stesso modo, un medico può determinare il tipo specifico di funghi coinvolti e conoscere il particolare agente antifungino che è più probabile che funziona – qualcosa che un paziente non è probabile che possa fare da solo a casa. Questa è una considerazione importante, in quanto vari tipi di funghi possono influenzare la pelle.

A volte un medico può decidere che un caso di fungo viso è meglio servito da un farmaco orale anziché un trattamento topico. Di solito, gli agenti antifungini orali sono molto più potenti di creme e lozioni. Come tali, possono essere più efficaci. Purtroppo, i farmaci orali hanno maggiori probabilità di causare effetti collaterali spiacevoli rispetto alle opzioni di trattamento topiche.

La prevenzione di questo tipo di infezione è generalmente auspicabile per il trattamento. Questo tipo di infezione è evitabile praticando una buona igiene e mantenendo sano il sistema immunitario. Il lavaggio a mano è particolarmente importante se un individuo è stato in presenza di una persona o di un animale che ha un’infezione fungina.

Qual è l’astigmatismo?

L’astigmatismo è una condizione dell’occhio che causa una visione offuscata o un senso che ogni occhio sta vedendo oggetti leggermente diversamente. Un problema strutturale – di solito da una cornea o da un obiettivo non equamente curvato – provoca luce che entra nell’occhio per non concentrarsi correttamente. Questo disturbo è abbastanza comune, interessando circa il 30% delle persone a un certo grado. Il trattamento non è sempre necessario, ma quando il problema è grave, le lenti a prescrizione o la chirurgia possono contribuire a migliorare la visione della persona.

L’occhio umano è di solito una sfera perfettamente rotonda. La luce che entra nell’occhio è focalizzata dalla cornea e dalla lente su un punto della retina, dove l’immagine viene rilevata e comunicata al cervello. In qualcuno con astigmatismo, la cornea o l’obiettivo non è perfettamente rotonda, spesso si forma più come un calcio. Quando l’occhio non è curvato correttamente, la luce che entra nell’occhio non può essere concentrata su un solo punto, causando un’immagine sfocata.

L’astigmatismo è un tipo di errore di rifrazione, il che significa che l’occhio non piega la luce che entra in esso per concentrarsi sul posto corretto sulla retina. La prossimità (miopia) e la lungimiranza (iperopia) sono anche errori di rifrazione, causati dalla cornea troppo curva o troppo piatta. Gli occhi delle persone che si trovano in prossimità di fuoco concentrano l’immagine davanti alla retina, mentre in quelli che si trovano dietro di sé. Le persone possono avere sia un astigmatismo che un altro errore di rifrazione: si stima che circa due terzi delle persone che si trovano in ritardo non abbiano altra condizione.

Ci sono diversi tipi di astigmatismo, a seconda di quale parte dell’occhio è irregolare, dove la luce è focalizzata e se i principali meridiani dell’occhio sono perpendicolari. Questa condizione può essere causata da un difetto sia della cornea che dell’obiettivo, anche se il tipo corneale è più comune.

Un occhio normale mette a fuoco un’immagine su un singolo punto, mentre gli optometristi disegnano un segno immaginario (+) al centro dell’allievo dove questo punto di messa a fuoco dovrebbe essere. Questi sono indicati come meridiani verticali e orizzontali o principali. In qualcuno con astigmatismo, i due meridiani non si concentrano allo stesso punto. Se si concentra sulla retina mentre l’altro non lo è, è conosciuto come semplice, mentre se entrambi si concentrano sia davanti che dietro la retina, è conosciuto come composto. Un punto davanti e uno dietro è chiamato misto.

Come per la prossimità e la lungimiranza, la messa a fuoco davanti alla retina è chiamata miopia e dietro è iperopica. Pertanto, se un meridiano si concentra davanti alla retina, mentre l’altro è su di esso, sarebbe chiamato semplice astigmatismo miopico.

Quando i meridiani principali si allineano perpendicolarmente – cioè che si incontrano ad angolo di 90 ° – è conosciuto come astigmatismo “regolare”. Se l’angolo è spento, viene chiamato “irregolare”, ed è un po ‘più difficile da trattare. Il tipo irregolare è spesso causato da lesioni all’occhio o da una malattia chiamata keratoconus, in cui la cornea assume una forma conica.

Minor astigmatismi spesso vanno in gran parte inosservati, ma i casi gravi possono causare mal di testa, squinting e occhi stanchi oltre a una visione sfocata. La maggior parte delle persone con irregolarità della cornea nasce con loro, ma non può notare nessun problema fino a quando non invecchiano. Anche coloro che hanno pochi sintomi possono essere diagnosticati con questa condizione nel corso di un esame di routine. Poiché molti dei segni non sono ovviamente o direttamente correlati alla visione, le persone possono trovare che il trattamento migliora le emicranie che non erano neanche realmente a conoscenza.

Ci sono diversi test oftalmologici per determinare la presenza e il livello di astigmatismo. Un keratometro e una topografa corneale sono strumenti che possono essere utilizzati per misurare la curvatura della cornea. Un autorefractor può dare una stima della capacità dell’occhio di mettere a fuoco correttamente la luce. Questi strumenti sono non invasivi e la maggior parte degli oculisti e degli optometristi è in grado di rilevare anche leggere problemi di curvatura durante un semplice esame degli occhi.

A volte l’astigmatismo può essere rilevato in casa coprendo un occhio per guardare un oggetto e poi cambiare per coprire l’altro occhio. Commutando avanti e indietro mentre si guarda un singolo oggetto o in una direzione, la persona può notare che l’oggetto sembra muoversi, come se ogni occhio lo vedesse in una posizione leggermente diversa. Ciò normalmente indica la presenza della curvatura corneale.

Occhiali o lenti a contatto possono essere prescritte per trattare la maggior parte delle forme di astigmatismo, ma in genere non correggono la condizione. Spesso, due lenti differenti aiutano gli occhi a concentrarsi, compensando così la messa a fuoco irregolare. Gli occhiali non possono essere usati per trattare le persone con forma irregolare, anche se alcuni tipi di lenti a contatto in genere possono aiutare. Un tipo di lente a contatto effettivamente aiuta a rimodellare l’occhio, questo trattamento è chiamato orto-chirurgia o Ortho-K.

La correzione chirurgica è un’opzione per casi gravi. Un certo numero di procedure differenti possono essere utilizzate per rimodellare la cornea dell’occhio e renderlo più sferico. La chirurgia laser in situ keratomileusis (LASIK) utilizza un laser per scolpire la parte inferiore della cornea dopo che la parte superiore viene sollevata. Keratectomia fotorefrattiva (PRK) e una tecnica simile chiamata cheratomileus subepitheliale assistita laser (LASEK) rimuovono o ripiegano lo strato molto esterno della cornea e rimodellano la superficie superiore. Un ottico può aiutare un paziente a decidere quale metodo è un’opzione migliore se si consiglia la chirurgia.

Che cosa è una contusione?

Una contusione è lesione al tessuto muscolare, osseo o morbido del corpo. Di solito si traduce in traumi forzati e alcuni tipi di contusioni sono semplicemente chiamati contusioni. La maggior parte delle persone non lo farà attraverso la vita senza il livido occasionale che potrebbe verificarsi da bumping in qualcosa. Le lesioni più gravi che colpiscono l’osso o il muscolo possono essere molto significative, ma un piccolo semplice livido è generalmente di scarsa preoccupazione.

Come accennato, ci sono tre diversi tipi di contusione che possono verificarsi. Le contusioni dei tessuti molli causano scolorimento della pelle, in quanto i vasi sanguigni possono emorra direttamente sotto la pelle. Questo può creare un arcobaleno virtuale di colori e un livido potrebbe sembrare marrone, rosso, blu, viola o giallo. Se la contusione è piccola e non è situata in una zona potenzialmente pericolosa, come la testa, potrebbe non richiedere alcun trattamento. La rottura può essere ridotta al minimo utilizzando un gel o una confezione fredda subito dopo una lesione.

A volte le persone sembrano avere regolarmente tipi di contusione del tessuto molle. Non possono nemmeno rendersi conto che hanno avuto qualche tipo di lesione fino a quando non si accorgono di un livido. Questo potrebbe essere il risultato di prendere cose come anti-coagulanti, che possono sottoporre il sangue o farlo coagulare più lentamente. Alcuni disturbi emorragici come l’emofilia possono anche provocare sanguinamenti significativi che creano enormi contusioni, e talvolta le persone anemiche possono avere un’incidenza più elevata di bruciore. Chiunque a rischio più elevato dovrebbe seguire le istruzioni del medico per il trattamento delle piccole contusioni, l’uso del ghiaccio è sicuramente raccomandato e le lesioni alla testa devono essere trattate come potenzialmente pericolose per la vita.

Altri tipi di contusione possono verificarsi in persone con o senza condizioni speciali. Un livido muscolare danneggia i muscoli, e potrebbe esserci un nodo percepibile al sito del danno. Ciò può causare crampi, rigidità e dolore notevole nella zona interessata. Questi non sono rari in alcuni sport di contatto, anche se possono verificarsi in altre impostazioni.

Generalmente il tipo più grave di contusione è il livido ossea. Questa non è una pausa effettiva, ma può essere estremamente scomodo. La gente può avere bisogno di raggi x per escludere le ossa rotte perché il dolore può essere grave e può inibire il movimento proprio come una rottura. Una grave ossa ossea può durare per molto tempo e le persone potrebbero richiedere la terapia fisica per contribuire a preservare o migliorare la gamma di movimento nel settore della lesione.

La contusione media minima non richiede molto trattamento. Sospette contusioni muscolari e ossee sono più gravi e di solito devono essere portate all’attenzione di un medico. È molto importante capire che le crepe possono verificarsi quando è presente un osso rotto. Una punta rotta può causare il piede a guardare quasi nero in colore. In attesa di vedere un medico, le persone dovrebbero seguire il metodo di trattamento RICE (riposo, ghiaccio, compressione, elevazione). Questo può anche essere sostenuto dopo la cura del medico per promuovere il comfort e facilitare la guarigione.

Qual è la sepsi addominale?

La sepsi addominale è una condizione in cui un paziente sviluppa un’infezione in uno degli organi situati nella cavità addominale, come l’appendice, l’intestino o il pancreas. I batteri di questa infezione possono quindi entrare nel flusso sanguigno del paziente e viaggiare in tutto il corpo. La diagnosi rapida e il trattamento con antibiotici, insieme a un trattamento chirurgico in alcuni pazienti, sono necessari per sradicare l’infezione. Se non trattata, questa condizione può essere fatale. La sepsi addominale può essere un’infezione primaria, secondaria o terziaria.

Quando la sepsi addominale è un’infezione primaria, non esiste una causa ovvia. Piccoli sacchi di liquido nell’addome, chiamati ascites, possono diventare spontaneamente infetti. I pazienti con malattia epatica, come la cirrosi, sono più inclini a sviluppare l’ascite, e quindi sono più probabili sviluppare infezioni primarie. Gli asciti sono in genere indolori e l’unico sintomo che il paziente può notare prima dell’infezione è un aumento della dimensione del suo addome. Sebbene un certo numero di batteri differenti possa causare l’infezione delle ascite, E. coli è tra i più comunemente presenti nei pazienti con sepsi primaria.

Qualsiasi tipo di trauma di un organo addominale, come la rottura o l’intervento chirurgico, può causare la sepsi addominale come un’infezione secondaria. La cavità addominale, o ambiente peritoneale, è tipicamente sterile. Se un organo infetto si rompe, i batteri di quell’infezione possono contaminare l’area e portare alla sepsi. La rottura a causa di un infortunio può causare un organo sano a perdere liquido nella cavità addominale. Questo fluido può irritare la cavità, provocando una risposta immunitaria e provocando sepsi nonostante l’originale mancanza di batteri.

Le minori operazioni su pazienti che non hanno già un’infezione attiva o gravi lesioni agli organi addominali non sono suscettibili di portare alla sepsi secondaria addominale. In caso di lesioni maggiori o di preesistenti infezioni, tuttavia, il rischio di sepsi può essere superiore al 50%. La maggior parte dei casi di sepsi sono del tipo secondario.

L’infezione terziaria si sviluppa solo dopo la terapia per la primaria o, più comunemente, la sepsi intra-addominale secondaria. In questi casi, l’infezione batterica è persistente nonostante un adeguato corso di trattamento per l’infezione originale. Un sistema immunitario indebolito rende più probabile un paziente a sviluppare un’infezione terzaria della sepsi. I pazienti spesso sviluppano ascessi addominali con questo tipo di infezione batterica e generalmente richiedono ulteriori procedure chirurgiche per recuperare. La grave sepsi addominale primaria o secondaria è più probabile che si traduca in un’infezione terziaria rispetto a un’infezione batterica più lieve.

Quali sono i nutrienti?

Molti diversi composti chimici costituiscono il cibo che gli organismi richiedono per sopravvivere. Questi composti, compresi i grassi, i minerali, i carboidrati, le vitamine e l’acqua, sono chiamati nutrienti. I nutrienti essenziali consentono agli organismi di vivere e crescere stimolando e mantenendo i processi del corpo.

Questi composti hanno funzioni multiple all’interno del corpo. Alcuni aiutano a riparare e costruire tessuti del corpo. Altri producono calore e energia. Il corpo può richiedere molto o molto poco di un singolo, a seconda del suo tipo.

Macronutrienti sono composti che gli organismi richiedono in grandi quantità. Questi includono i grassi, i carboidrati, l’acqua e le proteine ​​che la maggior parte delle creature necessitano alla sopravvivenza. I macronutrienti sono responsabili delle funzioni quotidiane del corpo, come la costruzione e la riparazione dei tessuti, la generazione di energia e calore, la regolazione degli ormoni e il mantenimento della normale funzionalità del cervello e del nervo.

Anche sale, magnesio, calcio e potassio sono richiesti in grandi quantità. Questi sono conosciuti come macrominerali. Questi minerali contribuiscono a garantire denti, ossa e muscoli sani. Essi equilibrano anche i fluidi del corpo.

Micronutrienti sono composti che sono necessari solo in piccole quantità. Micronutrienti richiesti dall’uomo includono 13 vitamine e 12 minerali. Questi includono le vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6, B7, B9, B12, C, D, E e K, così come i minerali potassio, sodio, calcio, fosforo, cloruro, zinco, rame, magnesio , Iodio, manganese, molibdeno e selenio.

La maggior parte di queste vitamine e minerali può essere ottenuta attraverso una dieta diversa. La vitamina K può essere prodotta nel corpo da microrganismi che vivono nell’intestino mentre la vitamina D è sintetizzata nella pelle attraverso la luce del sole. Le carenze di vitamina possono provocare una serie di problemi di salute, come scorbuto, rachitismo o pellagra. Alcune di queste sostanze nutritive possono anche essere dannose se troppo di essi vengono consumati.

Un’altra classificazione di queste esigenze dietetiche è data dal ruolo di essere essenziale o non essenziale. I nutrienti essenziali sono quelli che non possono essere fatti all’interno del corpo umano e devono essere ottenuti attraverso il consumo. Ci sono oltre 40 di questi. I composti non essenziali sono quelli che il corpo può produrre da solo, come il colesterolo.

I fitonutrienti sono quelli che possono essere trovati solo nelle piante. Quando consumati dagli esseri umani, alcuni lavorano come antiossidanti per proteggere le cellule dai danni. Questi possono includere il licopene, la zeaxantina, il beta carotene, la luteina e vari flavonoidi.

Anche se l’assunzione di sostanze nutritive varia dall’organismo, la maggior parte degli animali e protozoi abbattere il cibo con un sistema digestivo interno. Le piante li assorbono solitamente dal suolo o dall’atmosfera usando le loro radici e foglie. Le piante carnivori li consumano in modo simile agli animali, ma prima di ingerire loro digeriscono le loro sostanze nutritive.

Come faccio a trattare una caviglia bruciata?

Se hai contusato la caviglia, allora devi prendere immediatamente i passi per fermare le ossa e il gonfiore. La guarigione di una caviglia bruciata non è difficile, anche se ci vuole un po ‘di pazienza. Prima di poter riposare la caviglia, dovrai raccogliere un paio di ghiaccio avvolto in un asciugamano, una benda medica e una bottiglia di ibuprofene.

Una volta che hai gli elementi sopra indicati, posiziona il piede su una pila di cuscini per elevare l’area interessata. Quindi, mettere il pacchetto di ghiaccio avvolto con tovagliolo sulla caviglia per venti minuti – ripetere questa azione ogni due ore. Successivamente, avvolgere il piede in un bendaggio medico e tenere il piede elevato. Quindi, prenda un ibuprofene ogni quattro ore, o come indicato sulla bottiglia, e assicuratevi di mantenere il piede elevato il più possibile. Fare pressione sulla caviglia non è una buona idea, quindi prova a stare fuori dalla caviglia per almeno un giorno.

Dopo aver superato i passaggi di cui sopra, prendere nota del dolore che ti senti nella caviglia. Se cominciate a provare pugni, deformazioni o intensi gonfiori, allora è importante cercare un aiuto medico. A volte, una caviglia bruciata può essere un’indicazione di un altro problema. Le fratture dell’osso, i farmaci anticoagulanti e altre lesioni alla caviglia possono portare a una caviglia bruciata. Frequentemente, una caviglia bruciata è misdiagnosed, quindi è importante consultare un medico se il dolore alla caviglia persiste.

Se non hai accesso immediato a una benda, un pacchetto di ghiaccio o ibuprofene, ci sono altri elementi che funzioneranno altrettanto bene. L’acqua fredda e una striscia di qualsiasi materiale possono sostituire una confezione di ghiaccio e una benda medica. Non importa dove vi capita di essere, la cosa più importante da ricordare è di mantenere la pressione del piede. Le lesioni alla caviglia possono causare problemi aggiuntivi se questo tipo di lesioni non viene trattato correttamente.

Prima di iniziare qualsiasi sport o altre attività fisiche, assicurati che la caviglia sia completamente guarita. Altrimenti, potresti rischiare di nuocere ulteriormente alla caviglia. I bambini sono particolarmente suscettibili a lesioni alla caviglia aggiuntive quando un livido non ha il tempo di guarire, in quanto le ossa di un bambino tendono ad essere particolarmente fragili, per cui occorre prestare particolare attenzione affinché un bambino non aggravassi ulteriormente la caviglia ferita. In ogni caso, la ricerca dell’assistenza medica è una scelta saggia. In questo modo, è possibile determinare se hai veramente bruciato la caviglia o se hai causato danni aggiuntivi.

Cosa è l’herpes tipo 2?

Herpes tipo 2 è una classe o categoria della condizione nota come Herpes Simplex. Sia l’herpes tipo 1 che il tipo 2 condividono una serie di caratteristiche comuni, anche se l’herpes 2 è normalmente associata allo sviluppo di eventuali lesioni che si trovano sotto la vita, mentre l’herpes 1 si pensa generalmente intorno alla bocca e alle labbra. Tuttavia, ci sono esempi di entrambi gli herpes 1 e 2 che si sviluppano in vari punti del corpo.

Per la maggior parte, si pensa che l’erpete tipo 2 sia trasmessa solo da un tipo di contatto sessuale. Questo include qualsiasi tipo di pratica sessuale o di gioco, e può coinvolgere partner di qualsiasi genere o orientamento. Sebbene coloro che si occupano di attività sessuale con un partner che già trasportano questo virus possono infettarsi se il proprio partner è sintomatico o no, l’utilizzo di pratiche di sesso sicure e la terapia immunosoppressiva possono ridurre le probabilità di questo accadere.

Quando si verifica un focolaio di tipo 2, si sviluppano vesciche intorno ai genitali, al retto e talvolta all’addome inferiore appena sopra l’area genitale. Le bolle sono talvolta pruriginose e nel tempo si spaccano, lasciando delle piaghe aperte e possono perdere le secrezioni che trasportano il virus. Nei decenni passati, c’era poco da fare se non rendere l’individuo più comodo possibile finché le piaghe non si guarivano. Oggi, tuttavia, esistono diversi farmaci da prescrizione che possono abbreviare la durata e indebolire la gravità di un focolaio.

Come con molti virus, ci sono una serie di condizioni che possono portare ad uno scoppio di tipo herpes 2. Una malattia prolungata che ha indebolito il sistema immunitario può portare allo sviluppo di vesciche e alla successiva eruzione delle piaghe. Essere sconnessi e non riuscire ad ottenere il sonno adeguato possono anche impostare la fase per un focolaio. Per le donne, c’è una maggiore possibilità di un focolaio durante le mestruazioni. Per entrambi i generi, qualsiasi farmaco che tende a sopprimere la normale funzione del sistema immunitario del corpo può impostare la fase di superamento del virus.

È importante capire che non esistono cure per tipo di herpes 1 o herpes tipo 2. Una volta che il virus viene contratto, l’individuo affronterà la condizione per il resto della sua vita. Il meglio che si spera è quello di utilizzare farmaci per controllare la frequenza degli epidemie e fornire un grado di protezione per qualsiasi partner intimo.

C’è un errore comune che non sia possibile trasmettere l’erpete tipo 2 a meno che il partner infetto non stia attualmente sperimentando un focolaio. Infatti, entrambe le forme del virus dell’herpes possono essere trasmesse quando non ci sono piaghe attualmente presenti. Per questo motivo è molto importante che gli individui siano sinceri della loro storia sessuale e dello stato di salute generale prima di intraprendere qualsiasi tipo di intima attività con un’altra persona.

Cosa è la sifilide orale?

La sifilide è una malattia trasmessa sessualmente che si presenta con sintomi come una piaga, febbre, perdita di peso e stanchezza. La sifilide può essere diffusa attraverso il sesso orale, vaginale e anale. Quando la malattia viene trasmessa attraverso il contatto orale-genitale, può manifestare sintomi sulle labbra, sulle gengive e sulla lingua. Non è comune dare o ricevere sifilide orale, ei sintomi possono essere sbagliati per altre malattie. La sifilide non trattata può comportare complicanze pericolose, inclusi i danni agli organi e la morte, ed è fondamentale che tutti gli individui sospetti della sifilide orale o tradizionale richiedono il parere di un medico curante.

La prima fase della sifilide è caratterizzata da una malattia aperta nota come chancre. Nella sifilide orale il dolore si trova nella bocca – più comunemente sul labbro, e talvolta sulla lingua. Anche se i casi di sifilide sono spesso indolore e facilmente trascurati, i casi possono essere dolorosi e ulcerati. Il dolore è molto probabile che apparirà approssimativamente tre settimane dopo l’esposizione e si guarisce senza trattamento. Sinistra non trattata, la sifilide orale probabilmente procederà dal primo stadio alla fase 2 a questo punto.

Lesioni ed erosioni in bocca sono comunemente segnalate durante la fase secondaria della sifilide orale. Ci possono anche essere mal di testa o febbre, e un eruzione che si forma intorno alla bocca. Le piaghe rossastre possono diffondersi intorno al viso e al cuoio capelluto, e gravi casi possono provocare cicatrici permanenti e disfigurement dalle lesioni facciali. Potrebbe essere osservata anche la perdita di capelli anormale, le ghiandole gonfie e la perdita di peso.

Quando la sifilide rimane non trattata, progredisce dalla seconda fase alla fase latente, dove i sintomi scompaiono mentre la malattia rimane all’interno del corpo. Da questo punto l’infezione può continuare fino alla fase finale. La fase tardiva della sifilide orale può portare a complicazioni devastanti come danno dell’organo, malattie mentali, cecità e paralisi. La sifilide tardiva può anche provocare la morte. Per questo motivo, è indispensabile che una persona esposta alla malattia, o impegnarsi in comportamenti che lo lasciano a rischio, sia testata da un medico.

Il trattamento della sifilide orale nelle fasi iniziali è generalmente semplice e diretto. La malattia è causata da un batterio e può essere curata da antibiotici. La durata della terapia antibiotica e la quantità di farmaci prescritti variano a seconda dello stadio della malattia. Se l’infezione è progredita fino alla fase finale, il deterioramento degli organi e del corpo non può essere invertito. Il trattamento vieterà la malattia a causare ulteriori danni.

Quali sono i diversi tipi di infezione da morso?

Ci sono oltre 60 varietà di infezione da morso, alcune più gravi di altre. La più comune di queste sono l’infezione da pastorellosi, infezione da streptococco, infezione da stafilococco e infezione da capnocitophaga. Mentre queste infezioni sono tutte batteriche, l’infezione virale nota come rabbia può essere trasmessa ad un essere umano attraverso un morso di cane.

L’infezione da pasteurellosi è causata dai batteri della pastorellosi che si verificano naturalmente in bocca di un cane. È l’infezione più comune che si verifica nelle vittime del morso di un cane e può diventare grave se non trattata immediatamente. I sintomi di solito appaiono entro 12 ore dall’attacco e possono includere dolori gravi nell’area della ferita, gonfiore e arrossamento. Questa infezione si diffonde rapidamente e può causare danni permanenti, soprattutto se il morso si trova in prossimità di muscoli o tendini, particolarmente a portata di mano. Sono necessari cure mediche immediate e antibiotici.

L’infezione da streptococco, i batteri che causano spesso la gola strepica negli esseri umani, possono anche essere causati da un morso di cane. I sintomi di questa infezione da morso di cane includono dolore, gonfiore e arrossamento e di solito sono presenti entro 24 ore. Viene trattato tipicamente con penicillina o altri antibiotici, può causare la setticemia, un’infezione del sangue, se non trattata.

Infezione da stafilococco, noto anche come infezione da stadi, può causare diversi problemi cutanei e problemi di salute se non trattati. Mentre questa infezione non è comune come l’infezione da pastorellosi, si verifica in quasi il 20% di tutte le vittime di morso di cane. I sintomi includono il gonfiore, l’arrossamento e il dolore in e intorno al sito del morso e possono causare danni permanenti alla pelle e ai tessuti se non trattati.

L’infezione di Capnocytophaga è uno dei tipi più pericolosi di infezione da morso, anche se è tipicamente raro. Può causare piccole macchie rosse sulla pelle, nonché nausea, mal di testa e dolori muscolari. Questa infezione batterica quasi sempre infetta il sangue, può essere fatale per coloro che non hanno una milza e coloro che hanno altre carenze immunitarie. Può anche diffondersi nel cuore e infettare le valvole. Questo tipo di infezione è fatale nel 33% delle vittime del morso di cane.

La rabbia è un’infezione virale mortale che attacca il sistema nervoso centrale. Questa condizione è trattabile solo prima che l’infezione prenda in mano. Se è morso da un cane rabbioso, è necessaria un’attenzione medica immediata. Un colpo iniziale è di solito dato per fermare l’infezione da sviluppare e altre sei iniezioni vengono somministrate in 28 giorni per assicurare che il virus lascia il corpo. Se non trattati, i sintomi includono paralisi, allucinazioni, coma, convulsioni e insufficienza cardiaca.

Un morso di cane dovrebbe essere sempre pulito e disinfettato immediatamente, deve essere trattato da un medico se la rabbia è una preoccupazione o altri sintomi insoliti. Nel caso di bambini piccoli, i minori di età superiore ai 50 anni o quelli con difetti immunitari devono essere sempre controllati da un medico il più rapidamente possibile. Una corretta cura e un’attenzione medica possono contribuire a garantire che un’infezione da morso del cane non si diffonda e provoca altre emissioni mediche.

Quali sono i polipi vaginali?

Polipi vaginali sono sviluppi anomali della pelle che si sviluppano all’interno della vagina. Queste crescita sono spesso descritte come tag di pelle, che sono come piccoli gambi o steli di pelle. Nella maggior parte dei casi, i polipi vaginali sono benigni e non causano alcun dolore. Una donna può non essere a conoscenza di averne anche loro.

Mentre i polipi vaginali sono spesso presenti senza alcun sintomo, alcune donne notano cambiamenti legati a loro. Ad esempio, una donna può avere una scarica anormale che non è correlata a qualsiasi altro tipo di stato vaginale. Può anche sanguinare tra i periodi mestruali. A volte, una donna può anche sperimentare disagio o dolore diretto in relazione ai polipi vaginali.

Un medico può rilevare tipicamente la presenza di polipi vaginali attraverso un esame fisico. In molti casi, tuttavia, un medico non può raccomandare il trattamento. I polipi vaginali sono di solito benigni, e se non stanno causando sintomi, un medico non può vedere alcun motivo per rimuoverli. Dal momento che può essere difficile essere al 100 per cento sicuro che le crescita non sono cancerose, però, può raccomandare di rimuovere un polipo e eseguire una biopsia su di esso. Questo test è solo per assicurarsi che il polipo non contenga cellule cancerose.

Quando il trattamento è necessario o desiderato, le procedure di rimozione possono essere trattate normalmente in un ufficio medico o ambulatorio. Per tagliare un polipo dal resto del tessuto vaginale, un medico può utilizzare uno strumento chiamato speculum per diffondere i tessuti vaginali, in modo da poter vedere dentro e trattare l’area interessata. Può quindi utilizzare un farmaco anestetico locale per assicurare che il paziente non si senta dolore durante la procedura. Infine, un medico usa tipicamente uno strumento chirurgico per tagliare il polipo dal normale tessuto vaginale.

È inoltre possibile rimuovere i polipi vaginali utilizzando sostanze chimiche che li congelano o con laser speciali. Un medico può essere riluttante ad utilizzare queste procedure, tuttavia, se c’è la possibilità che un polipo possa essere canceroso. Entrambi i tipi di trattamenti distruggono il polipo, quindi non c’è possibilità di eseguire una biopsia. Per questo motivo, i medici possono raccomandare contro queste forme di trattamento a meno che siano sicuri che i polipi siano benigni.

Seguendo una procedura per rimuovere i polipi vaginali, è normale sentire qualche disagio. Ad esempio, un paziente può verificarsi crampi minori. Alcuni pazienti possono verificarsi anche una piccola quantità di sanguinamento vaginale. Molte donne sono in grado di continuare con le loro normali routine, senza l’uso di dolori di colpa, comunque.