Cosa è l’estratto di vino rosso?

L’estratto di vino rosso è l’antiossidante benefico estratto dal vino rosso, tra cui antociani, resveratrolo e polifenoli. Il più significativo dei tre è il resveratrolo, che ha dimostrato di essere più efficace di molte vitamine e può avere qualità anti-cancro. Questo potente ingrediente si trova solitamente nelle pelli, foglie, semi, pasta e rami d’uva, che vengono trasferiti nel vino rosso durante la fermentazione. Il contenuto di alcol è il vino è considerato una tossina, quindi il modo più sano per ricevere questi benefici è quello di acquistare capsule o altre forme che eliminano il contenuto di alcol.

L’anthocyanin è un pigmento solubile in acqua trovato in molti frutti viola o rossi, soprattutto nei rami delle uve. Gli effetti positivi sul corpo possono includere la riduzione dell’infiammazione e del diabete. Il polifenolo è un organico chimico trovato nella maggior parte delle foglie vegetali, ed è spesso utilizzato in integratori alimentari o prodotti antinvecchiamento. Resveratrolo è un antiossidante trovato in molte piante, ma il contenuto più alto è generalmente trovato nel vino rosso. Le aziende farmaceutiche lo hanno fabbricato sotto molti nomi generici che vengono venduti come prodotti sanitari e vengono pubblicizzati per lenire l’invecchiamento, lavorare contro il cancro e migliorare il sistema immunitario.

Sono state scoperte nuove tecniche per ricevere le sostanze nutritive dal vino rosso. In precedenza, gli specialisti estrarrebbero singolarmente antiossidanti da ogni parte dell’impianto. Il processo attuale, comunemente chiamato formula di estratto di vino rosso, prende gli ingredienti attraverso la fermentazione e poi rimuove l’alcool. Di solito vengono testati diversi tipi di vino rosso per trovare le massime quantità di antiossidanti e i vini cileni sono stati trovati per avere le concentrazioni più alte, principalmente a causa delle condizioni meteorologiche. I livelli di antiossidanti aumentati sono generalmente dovuti al clima adatto durante tutto l’anno.

Una combinazione di questi ingredienti può aiutare la regolazione degli ormoni, promuovere un processo anti-invecchiamento e ridurre l’infiammazione. A parte gli effetti secondari, l’estratto di vino rosso può ridurre la gravità della malattia di Alzheimer, prevenire danni al fegato, diminuire il rischio di ictus e assistere i sintomi associati con l’osteoartrosi. I test hanno dimostrato che può migliorare la fertilità e la produzione di spermatozoi.

Sono stati elencati effetti minimi per l’estratto di vino rosso, ma i consumatori dovrebbero evitare di consumare bevande alcoliche per ricevere gli effetti benefici per la salute. Anche se il vino rosso ha antiossidanti, gli effetti negativi dell’alcol possono contrastare i positivi. I problemi più pericolosi associati all’abuso di alcol sono le malattie cardiache e il danno epatico, che è la ragione principale per cui l’estratto di vino rosso ha successo quando consumato in forma di pillola o polvere.

Che cosa è detox veloce?

La disintossicazione rapida, chiamata anche disintossicazione rapida di oppiacei, è un metodo per trattare il ritiro di droga in una persona che è dipendente da determinati tipi di farmaci. Una dipendenza fisica dalle droghe è una grave questione medica che deve essere supervisionata da professionisti sanitari quando una persona riduce o elimina la sostanza che il corpo è diventato dipendente. In passato, la disintossicazione è stata un lungo processo, che dura da qualche giorno a una settimana. La disintossicazione rapida è una procedura medica che consente la disintossicazione a verificarsi entro la durata di un giorno.

La detox veloce viene utilizzata per eliminare rapidamente il disagio estremamente scomodo e minaccioso della vita di oppiacei, eroina, farmaci da prescrizione e alcol. I sintomi di ritiro di questi farmaci includono scosse, sudorazione, confusione, mal di testa, cravate, crampi addominali, nausea e vomito, diarrea, insonnia, agitazione, depressione e ansia. A volte possono verificarsi attacchi di cuore e attacchi di cuore dalla disintossicazione.

Una persona sottoposta a questo tipo di detox viene posta sotto anestesia per circa quattro o sei ore. Sotto la supervisione dei medici, la persona viene somministrata un farmaco speciale che accelera il processo di ritiro nel corpo. Poiché il paziente è anestetizzato e incosciente, non sperimenta i sintomi di ritiro che accompagnano il tradizionale periodo di disintossicazione.

I farmaci utilizzati in detox veloce lavorano bloccando i recettori nel cervello che sono responsabili per assorbire la sostanza che il paziente è dipendente. Ciò provoca che il corpo comincia ad espellere le tossine e, di conseguenza, causa segni e sintomi di ritiro. Una volta che il corpo di una persona è libera dalla sostanza o dalle sostanze che sono state abusate, possono iniziare i processi di recupero e trattamento del farmaco o dell’alcool. Il trattamento di abuso di sostanze di solito comprende generalmente l’istruzione, la terapia psichiatrica e l’apprendimento dei cambiamenti nello stile di vita.

Come quasi tutto, ci sono vantaggi e contro per disintossicare rapidamente. Questo metodo può aiutare a incoraggiare le persone con dipendenze a cercare un trattamento perché non devono temere l’esperienza dolorosa del ritiro e della disintossicazione. È anche positivo perché consente a una persona di iniziare il recupero più presto.

Tuttavia, in rari casi, la disintossicazione rapida ha avuto inaspettati effetti collaterali come l’attacco cardiaco e la morte. È anche caduto sotto critica duro perché è visto da alcuni come un “fast fix”, che è ciò che i tossicodipendenti cercano caratteristicamente in primo luogo. Per questo motivo, si ritiene che la rapida detox impedisca ai tossicodipendenti di sperimentare le conseguenze della loro dipendenza, rendendo così più propensi ad iniziare ad usare un altro tipo di farmaco oa ritornare alla droga da cui erano dipendenti.

Cosa provoca kwashiorkor?

Kwashiorkor è una malattia infantile caratterizzata da malnutrizione, il che significa che i pazienti che soffrono di questa condizione non dispongono di certi nutrienti nelle loro diete. Anche se questa malattia è di solito associata a una carenza di proteine, altri tipi di carenze sono anche elencati come fattori che contribuiscono. Questa particolare malattia è più frequente nelle regioni più povere del mondo, dove la povertà, la carestia e la mancanza di conoscenze in materia di nutrizione contribuiscono a diete sbilanciate. La malattia è incredibilmente rara nei paesi più ricchi.

Il termine “kwashiorkor” deriva dal linguaggio Ga, che viene per lo più parlato nella regione sudorientale del paese dell’Africa occidentale del Ghana. Il pediatra giamaicano Cicely D. Williams si avvicinò al termine quando lavorava in Ghana tra il 1929 e il 1935, quando la regione era sotto la colonizzazione britannica e conosciuta come la Gold Coast. Cercando di risolvere il mistero dei bambini che si snodano con le pancole gonfie, le gambe gonfie e la pigmentazione cutanea più leggera della pelle, Williams ha chiesto un’infermiera africana se c’era un nome per una simile condizione. L’infermiera ha risposto che è stato chiamato “kwashiorkor”, riferendosi a una malattia che un bambino maggiore ottiene quando arriva un nuovo fratello o una sorella. Interpretando il termine come una condizione che si verifica quando i bambini dissociati non ottengono cibo sufficiente, Williams ha pubblicato le sue scoperte in un articolo del 1935 sulla cura materna e infantile.

Prima che Williams arrivasse sulla Gold Coast, il kwashiorkor veniva erroneamente diagnosticato come pellagra. Questa è una condizione causata da una carenza di vitamina niacina, nota anche come vitamina B3. La pellagra condivide i sintomi con il kwashiorkor come la diarrea, anche se è principalmente caratterizzata da demenza e infiammazione cutanea nota come dermatite. Questo disturbo è anche distinto dal marasmo, che è un’altra malattia di carenza di proteine, in quanto il marasmo manca dell’edema e della sufficiente assunzione di calorie, anche se presenta anche l’emaciamento e l’esaurimento dell’energia.

Dal lavoro di Williams, è stato accettato nella comunità medica che questo disturbo è il risultato di una bassa assunzione di proteine. La mancanza di micronutrienti come ferro, iodio e vitamina C, così come antiossidanti come albumina, glutatione, acidi grassi polinsaturi e vitamina E sono citati come contributivi. La diagnosi è condotta eseguendo determinati test a livello di proteine ​​e di sangue, e il trattamento consiste normalmente nel dare al bambino cibo con quantità sufficienti degli elementi sopra menzionati. Purtroppo, anche quando guarito, i bambini affetti da kwashiorkor non possono mai raggiungere il livello ottimale di crescita.

Quali sono diversi alimenti che riducono lo zucchero nel sangue?

Lo zucchero nel sangue è un termine comune che si riferisce alla quantità di glucosio nel sangue ed è essenziale per il buon metabolismo del cibo. Le persone con zucchero nel sangue cronicamente elevato, noto come iperglicemia, sono a rischio di sviluppare diversi problemi di salute, inclusi i danni agli organi in tutto il corpo. Le persone con elevato livello di zucchero nel sangue o coloro che sono a rischio di sviluppare iperglicemia possono provare a mantenere la stabilità del glucosio mangiando alimenti che abbassano lo zucchero nel sangue e evitano cibi che possono aumentare i livelli di glucosio. Gli alimenti che abbassano il glucosio nel sangue possono giocare una parte importante nel mantenimento di un normale livello di zucchero nel sangue.

Un modo per identificare i possibili alimenti che riducono lo zucchero nel sangue è attraverso l’analisi dell’indice glicemico. L’indice glicemico misura i prodotti alimentari in base a quanto e quanto velocemente aumenta lo zucchero nel sangue su una scala da 0 a 100. Gli alimenti che risultano più bassi sulla scala glicemica possono diminuire le probabilità di picchi di zucchero nel sangue e aiutare a mantenere i livelli normali del glucosio complessivamente.

Alcuni dadi, come le mandorle e le noci del Brasile, sono considerati spuntini eccellenti che aiutano a ridurre la pressione sanguigna. Basso nei carboidrati, che convertono rapidamente allo zucchero, questi dadi forniscono anche una dose sana di grassi insaturi, che possono aiutare il corpo a sentirsi più pieno. Poiché una delle chiavi per evitare le punte di zucchero nel sangue è regolare, pasti uniformemente distanziati, spuntando su alcune mandorle può aiutare le fame di gambo e evitare picchi causati da grandi pasti. È importante ricordare che la maggior parte delle noci hanno molte calorie e devono essere mangiate con moderazione.

Le patate dolci e le patate sono spesso lodate come cibi eccellenti che riducono lo zucchero nel sangue. Oltre ad avere un punteggio indice glicemico relativamente basso, queste verdure radicate sono ricche di antiossidanti e fibre che aiutano a regolare la digestione e migliorare la salute generale. La preparazione è importante, tuttavia – patatine fritte o patate dolci che sono state prive di burro, zucchero di canna e marshmallow saranno probabilmente più male che bene.

Può sembrare strano che alcuni alimenti dolci possono ridurre i livelli di glucosio, ma le mele e le bacche sono due ottimi esempi di alimenti che riducono lo zucchero nel sangue. Le bacche contengono potenti antiossidanti per aumentare la salute e il sistema immunitario, mentre le mele contengono una grande dose di fibra per una corretta digestione. Aggiungendo una mela o una porzione di mirtilli, fragole o lamponi a una dieta quotidiana può aiutare a mantenere alimenti dolci alimenti senza danneggiare i livelli di zucchero nel sangue.

Due additivi alimentari che ottengono molta attenzione per i componenti di zucchero nel sangue sono aceto e cannella. Grazie a composti naturali nella cannella, alcuni studi hanno dimostrato che non solo possono abbassare i livelli di zucchero nel sangue, ma possono aiutare a ridurre anche il colesterolo alto. L’aceto di sidro di mele può contenere enzimi che aiutano a trasformare i carboidrati, riducendo la quantità di zucchero creata nel processo digestivo. Mentre questi effetti sono ancora in fase di studio, alcuni esperti di salute suggeriscono tentativi di aggiungere una piccola quantità di aceto e cannella ad una dieta quotidiana.

Cosa causa la sensibilità al danno al calore?

La sensibilità del dente al calore si verifica quando le strutture che normalmente proteggono che i nervi interni del dente diventano consumati, incrinati o altrimenti non funzionano correttamente. Il danneggiamento di queste strutture protettive può essere dovuto al decadimento del dente, dalla macinatura dei denti o dalla spazzolatura troppo duro, o dalla malattia delle gengive. Fortunatamente, ci sono diverse opzioni di trattamento che possono ridurre questa sensibilità.

Ogni dente ha dei nervi all’interno di esso. Normalmente, questi nervi sono protetti dallo smalto, o lo strato indurito di tessuto che copre l’esterno di ogni dente. Il modo in cui le gomme si sovrappongono a ciascun dente aiuta anche a mantenere i nervi dentali isolati dalla bocca. La sensibilità al calore si verifica quando lo smalto o le gengive diventano danneggiati, consentendo ai nervi che normalmente proteggono di essere esposti. Quando i nervi vengono esposti in questo modo, il contatto con le bevande calde o gli alimenti può causare loro la registrazione di un dolore acuto o di dolore.

È spesso responsabile della sensibilità dei denti. Usando troppa pressione durante la spazzolatura dei denti può causare l’usura dello smalto. La rettifica o la stretta dei denti possono causare crepe che penetrano nella superficie del dente, creando un percorso verso i nervi. Allo stesso modo, il decadimento del dente può portare a crepe o fori nella superficie del dente.

La sensibilità al calore può anche avvenire quando le gengive non sovrappongono i denti correttamente, di solito a causa della malattia delle gengive. Generalmente, solo le aree visibili di un dente sono ricoperte di smalto, mentre le sue radici sono coperte da una sostanza più sottile e più porosa chiamata dentina. Le gengive normalmente agiscono come una barriera che isola le radici dei denti dal resto della bocca. Quando la malattia della gomma provoca la perdita delle gengive, tuttavia, la dentina può essere esposta. Cibi e bevande caldi che contattano con questa dentina esposta possono facilmente aggravare i nervi sotto di esso.

Fortunatamente, può essere possibile ridurre o addirittura eliminare la sensibilità del dente al calore. Molte persone ritengono che un dentifricio formulato per combattere la sensibilità del dente è sufficiente per facilitare il disagio dentale. Un trattamento dentale che ripristina lo smalto danneggiato può anche essere utile. Nei casi di sensibilità moderata o grave, tuttavia, la ricerca di sollievo può essere possibile solo con un riempimento, un trattamento gengivale o un canale radicale.

Cosa è l’ipermenorrea?

L’ipermenorrea, noto anche come menorrhagia, è un ciclo mestruale eccessivamente lungo o pesante sperimentato regolarmente. Mentre circa il 30 per cento delle donne hanno un periodo pesante, si stima che solo il 10 per cento delle donne soffre di ipermenorrea. Un ciclo mestruale tipico dura una media di cinque giorni e ha una perdita totale di sangue inferiore a 1/3 di tazza (80 ml). Tuttavia, una donna con un ciclo mestruale che dura più di sette giorni, con una perdita di sangue superiore a 1/3 tazza (80 ml) è considerata come ipermenorrea.

L’eccessivo sanguinamento di questa condizione è causato da squilibri ormonali o da varie condizioni mediche. I fibromi uterini e il cancro dell’endometrio possono entrambi causare un ispessimento della parete uterina, che porta a sanguinamenti pesanti. Infiammazione vaginale, polipi dell’utero e condizioni della tiroide possono anche essere fattori che contribuiscono

I sintomi comuni includono un flusso mestruale pesante che richiede la sostituzione di tovaglioli o tamponi sanitari ogni 1-2 ore e grandi coaguli di sangue nel sangue mestruale. È meglio consultare un medico il più presto possibile se sospettate di essere affetti da ipermenorrea. L’anemia di carenza di ferro può risultare se la condizione non viene trattata, in quanto l’eccessivo sanguinamento può diminuire i livelli di ferro del sangue. Sperimentare i sintomi di anemia, come la mancanza di respiro e la stanchezza, in combinazione con altri sintomi, può essere un’indicazione che la condizione è presente.

Alcune donne hanno un rischio maggiore per sviluppare il disturbo. Le ragazze adolescenti sono più inclini alla condizione nei 12-18 mesi successivi al loro primo periodo, poiché non sono ancora regolarmente ovulanti. Le donne che si avvicinano alla menopausa sono anche più inclini a provare sanguinamenti pesanti, in quanto gli squilibri ormonali sono più comuni in questo momento. Tuttavia, ipermenorrea può influenzare le donne di tutte le età in qualsiasi momento durante la loro vita riproduttiva.

La terapia ipermenorrea dipende dalla tua salute generale e dalla causa e dalla gravità del problema. La terapia farmacologica può essere un’opzione e include supplementi di ferro se l’anemia è presente, farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) per alleviare il dolore e ridurre l’emorragia, i contraccettivi orali e gli ormoni sintetici come il progesterone. Se il trattamento farmacologico non ha successo, può essere necessario un intervento chirurgico.

Le procedure chirurgiche sono varie e dipendono dalla gravità del caso. La dilatazione e curettage, noto anche come “D e C”, viene eseguita dilatando la cervice e raschiando o aspira il tessuto in eccesso dalle pareti uterine per ridurre il sanguinamento mestruale. L’ablazione endometriale utilizza energia ultrasonica per distruggere in modo permanente la fodera uterina, il che spesso determina un flusso mestruale normale successivamente. La resezione endometriale utilizza un ciclo elettrochirurgico per rimuovere la fodera dell’utero e viene usata tipicamente quando si verificano sanguinamenti pesanti, ma non sono presenti problemi di uterine sottostanti.

Che cosa è un linctus codeine?

Codeine linctus è un oppiaceo simile, ma più debole, della morfina. È stato progettato per sopprimere il riflesso tosse all’interno del sistema nervoso centrale per tosse secche e irritanti. Come con qualsiasi altro tipo di farmaco, questo farmaco ha numerosi vantaggi e effetti negativi. Ci sono anche casi in cui questo farmaco può causare complicazioni con altri problemi medici, in modo che il medico curante possa prescrivere qualcosa di simile, ma diverso.

I vantaggi che possono essere ottenuti dal prendere linctus di codina è che sopprime tosse secche e irritanti senza avere un elevato rischio di dipendenza, come fa la morfina. Anche se è possibile addicted a questo medicinale in quanto è un oppio, i casi che sono stati documentati sono abbastanza piccoli.

Quando una tosse diventa non produttiva, come quando nessun muco viene espulso dall’azione, questo farmaco può sopprimere la tosse fastidiosa. Se però viene tossito un muco o un fegato, la presa di questo farmaco può rallentare il processo di guarigione e persino causare peggiori condizioni mediche, come la polmonite. Una tosse di guarigione non deve mai essere soppressa, ma quando è improduttivo e semplicemente irritante il lincto di codeine può essere adottato per fermare il processo di tosse all’interno del sistema nervoso centrale, consentendo al paziente di continuare i compiti quotidiani senza dover affrontare una tosse fastidiosa.

Alcuni degli effetti collaterali negativi che possono essere sperimentati dal prendere linctus di codeina sono problemi di base medici associati ad altri tipi di medicinali. La stitichezza è uno degli effetti collaterali più comuni, nonché la sonnolenza. Questo farmaco può influenzare gli individui in modo diverso, pertanto è consigliabile evitare di guidare e utilizzare qualsiasi tipo di apparecchiatura fino a quando non saranno valutati gli effetti collaterali per il paziente specifico. Un altro effetto negativo comune che questo farmaco può avere sulle persone che ingeriscono è la respirazione lenta e poco profonda. L’effetto collaterale finale, come sopra indicato, è il rischio di dipendenza. Poiché questo farmaco è un oppio, i pazienti possono diventare dipendenti da esso.

Codeine linctus non deve mai essere preso da persone che presentano problemi respiratori, come ad esempio l’asma o l’emfisema, a causa della condizione di respirazione superficiale che accompagna il suo utilizzo. Dovrebbe essere evitato anche se il paziente è incinta o in allattamento, salvo diversa istruzione da un medico autorizzato. I bambini sotto l’età di uno sono anche istruiti per non utilizzare questo farmaco, così come le persone anziane che hanno condizioni epatiche. Come per tutti gli altri tipi di farmaci, la codeina può interagire con altri farmaci, quindi una valutazione completa deve essere fatta da un professionista prima di prendere questo farmaco.

Cosa è una scansione della vescica ct?

Una scansione computazionale Tomografia (CT) della vescica fornisce un’immagine della vescica per aiutare i professionisti medici a saperne di più su una massa, un blocco o un altro problema. Comprende una serie di singole immagini a raggi X, denominate fette, che vengono messe insieme da un computer per fornire un’immagine dettagliata dell’interno del corpo. Questo test può essere ordinato per ragioni diagnostiche per determinare il motivo per cui un paziente presenta problemi urinari o come follow-up per vedere come un paziente risponde al trattamento. L’imaging di altre parti del tratto urinario, come ureteri e reni, può avvenire contemporaneamente ad una scansione CT della vescica.

Questo test può essere eseguito con l’aiuto di un agente di contrasto per evidenziare alcune strutture del tratto urinario, che viene iniettato prima della prova. Il paziente può aver bisogno di una serie di immagini prima del contrasto, seguito da un altro set dopo. Una scansione CT della vescica coinvolge sdraiarsi su un tavolo o una piattaforma all’interno dell’apparecchiatura di scansione e tenere ferma mentre le immagini sono acquisite. I pazienti preoccupati per la claustrofobia possono ricevere sedativi per rimanere rilassati e calma durante la prova.

Alcune ragioni per richiedere una scansione CT della vescica possono includere l’incontinenza, le masse della vescica o segni di bloccaggio. Questo test può essere richiesto anche se un medico sospetta la presenza di pietre nella vescica. Può essere ordinato se si notano anomalie in un altro studio di imaging come un ecografia o un raggi X, o se sono osservati durante un esame. L’interpretazione delle immagini può richiedere diversi giorni, a seconda del personale di una struttura.

I rischi associati a una scansione CT della vescica sono bassi. I pazienti sono esposti a alcune radiazioni, ma sono tenute al minimo possibile e il vantaggio di prendere un problema supera il rischio. Le donne in stato di gravidanza possono essere consigliate di aspettare i test se, a quanto possibile, a causa dei maggiori rischi per i feti in via di sviluppo. Alcune persone presentano reazioni allergiche agli agenti di contrasto ed è importante discutere la storia dell’allergia e della storia medica con un medico prima di iniziare la prova. Il tecnico può decidere di utilizzare un diverso agente di contrasto o di considerare una vescica CT senza contrasto se questo appare necessario.

I centri di imaging possono solitamente offrire una scansione CT della vescica come procedura ambulatoriale. L’intero test, incluso il controllo, l’acquisizione delle immagini e il monitoraggio delle reazioni iniziali se il contrasto è stato utilizzato, può richiedere diverse ore. Se un paziente è già ricoverato in ospedale per un problema medico esistente, il test può essere offerto come un servizio ospedaliero, nel qual caso le persone possono trasferire al reparto di radiologia per il test e tornare ai loro letti al termine.

Quali sono i sintomi più comuni del reumatismo?

Il termine reumatismo copre una serie di disturbi, inclusi l’artrite reumatoide, il reumatismo palindromico e il reumatismo nonarticolare. Queste condizioni hanno diversi sintomi in comune, come dolore articolare e muscolare, rigidità, infiammazione articolare, arrossamento e calore nell’area interessata. Il trattamento dei sintomi può essere difficile, poiché il dolore, il gonfiore e la ridotta gamma di movimento sono spesso di frequenza e durata variabili.

Quando le persone si riferiscono al reumatismo, generalmente si riferiscono all’artrite reumatoide. Questo disturbo autoimmune causa i sintomi classici di giunti gonfie e arrossate nelle mani e nei piedi. Le articolazioni sono di solito dolorose al tatto e l’area infiammata può essere calda. La gamma di movimento è tipicamente diminuita poiché le articolazioni sono spesso rigide al mattino nelle prime fasi. La rigidità può durare per tutto il giorno se si verifica un’erosione articolare nelle fasi successive. Anche se l’artrite reumatoide inizia tipicamente nelle piccole ossa del corpo, è una condizione cronica che spesso avanza al dolore alle spalle, al collo e alla schiena per tutto il processo di invecchiamento.

Il reumatismo palindromico (PR) è una condizione intermittente che produce un’infezione improvvisa delle articolazioni, che provoca dolore e rigidità. A differenza dell’artrite reumatoide, questa condizione non ha alcun effetto duraturo sulle articolazioni. Il PR può progredire nell’artrite reumatoide, tipicamente a una percentuale del 50%. I farmaci tradizionalmente usati per trattare la malaria spesso riducono la gravità e la frequenza dei sintomi in questa condizione e sono noti per diminuire la probabilità di sviluppare l’artrite reumatoide più grave e cronica.

Il reumatismo nonarticolare, o la sindrome da dolore regionale (RPS), influenza i tessuti molli intorno alle articolazioni. Condizioni come la fibromialgia e la borsetta sono esempi di RPS. Queste condizioni possono causare dolore localmente, come nella spalla o nell’anca come in borsiti, o in aree non specifiche del corpo, come nella fibromialgia. In borsiti, il gonfiore articolare, la rigidità e il dolore sono causati da infiammazione dei sacchi sinoviali, che fungono da cuscini tra l’osso e il tessuto molle di un giunto. Le cause della fibromialgia non sono ben compresi, ma i sintomi di dolore e tenerezza si verificano dopo l’attività e il riposo, mentre il dolore della borsite si verifica durante il movimento dell’area interessata, diminuendo o scomparendo durante il riposo.

Il trattamento dei sintomi più comuni associati alle diverse forme della condizione comprendono farmaci antinfiammatori, terapia fisica e chirurgia, come la sostituzione articolare. I cambiamenti nello stile di vita, come il fumo, l’esercizio fisico a basso impatto e le tecniche di riduzione dello stress, sono tipicamente consigliate per il sollievo dei sintomi. Il trattamento delle condizioni sottostanti è di solito incoerente, in quanto i sintomi possono essere intermittenti, non specifici e variabili in frequenza e durata.